Marano, gioielliere ammazzato nel suo negozio

La vittima è il 43enne Salvatore Gala. La pista principale è quella di un omicidio a scopo di rapina: la cassaforte aperta e la stanza a soqquadro

Era riverso a terra in una pozza di sangue, a pancia in giù. E’ la pista della rapina sfociata in omicidio quella battuta dai carabinieri che indagano sulla morte di Salvatore Gala, il 43enne gioielliere di Marano, trovato senza vita all’interno del suo negozio in via Merolla 77.  A dare l’allarme la madre della vittima preoccupata perché il figlio non dava sue notizie da ieri sera. Sul posto i carabinieri di Marano e quelli della compagnia di Giugliano che entrando in negozio hanno trovato la cassaforte aperta e svuotata e la stanza a soqquadro. I militari dell’Arma non tralasciano altre piste, compresa quella legata ad aspetti personali della vita dell’uomo. Il gioielliere potrebbe essere stato ucciso ieri sera, quasi in coincidenza con l’orario di chiusura del negozio, e poi la saracinesca potrebbe essere stata abbassata dall’omicida per guadagnare tempo per la fuga.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest