Intervista a Sergio D’Angelo, commissario Abc: “Riorganizzeremo l’azienda insieme ai cittadini e ai lavoratori”

 

“Ho trovato grande disponibilità da parte dei lavoratori, dirigenti e organizzazioni sindacali, la stessa disponibilità che tutti stanno ricevendo dal nuovo commissario”.

Sergio D’Angelo, il commissario straordinario di Abc, azienda speciale idrica del comune di Napoli racconta a ‘Il Desk’,  i primi giorni di gestione aziendale con umiltà, concretezza, semplicità e senza  giri di parole.

Dottor D’Angelo, dunque, ha trovato un clima favorevole, non ostile. Quali sono i primi interventi che intende attivare?

A volte bisogna ripartire dalla fiducia che se non ripagata si fa sempre in tempo a ritirare. Intanto,  studiamo i problemi ed inquadriamo le questioni, conosciamo i dirigenti, i quadri, i funzionari e i dipendenti. Tra le priorità c’è l’approvazione dei 3 bilanci relativi agli anni 2014, 2015, 2016 non approvati e la ripresa del confronto con la Regione. L’azienda va riorganizzata sia in relazione alla capacità di riscossione, sia alla sua capacità di comunicare con i cittadini. Bisogna completare il ciclo integrato dell’acqua a partire dalla gestione del sistema fognario. In settimana completo gli incontri, compresi gli incontri i rappresentanti sindacali aziendali, le organizzazioni sindacali territoriali di categoria e confederali”

Ha ottenuto  ampio mandato dal Comune  per l’approvazione dei tre bilanci?

“I tre bilanci potranno essere approvati dopo avere accertato in maniera condivisa con l’amministrazione comunale la massa debitoria e quella creditizia. Una sorta di accordo tombale che ci consenta di iscrivere correttamente tutte le poste nel bilancio senza correre il rischio di contestazioni”

Dottor D’Angelo è a conoscenza che un gruppo di lavoratori della Net Service, società del gruppo, hanno presentato ricorsi assistiti dall’avvocatessa giuslavorista Giuliana Quattromini, impugnato il provvedimento di revoca dei distacchi deciso dal precedente amministratore Abc, e chiesto al tribunale del lavoro di condannare l’azienda per interposizione di manodopera?

“Non sono a conoscenza dei ricorsi. Mi informerò nelle prossime ore.  I lavoratori Net Service vanno internalizzati, bisogna procedere al loro assorbimento in Abc, è una operazione conveniente e necessaria al tempo stesso. Stiamo studiando la procedura più appropriata per l’assorbimento”

Nei giorni scorsi i  turisti hanno fotografato le fontane cittadine abbandonate, senza la manutenzione e piene di spazzatura. La manutenzione veniva garantita da Abc.

“La manutenzione (e non la pulizia che garantiva Asia) veniva garantita da Abc, che però da tempo è priva di contratto di servizio  perché l’amministrazione comunale non ha ancora provveduto a rinnovarlo. Nei prossimi giorni, spero si possa venire a capo anche di questo problema”.

Ciro Crescentini

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest