L’uomo è stato arrestato perché avrebbe colpito gli agenti mentre lo portavano in ufficio per l’identificazione

NAPOLI – Gli agenti, ieri pomeriggio, in servizio di controllo del territorio, percorrendo via Ponte dei Francesi, venivano allertati da alcuni residenti della zona che chiedevano assistenza per la mancanza di energia elettrica già da diverse ore. I poliziotti dopo aver rassicurato i cittadini che il personale della società di energia elettrica già stava provvedendo a risolvere il guasto, venivano aggrediti da un 47enne che, in dialetto, inveiva contro gli agenti apostrofandoli come dei “buoni a nulla” ed affermando inoltre che sarebbe andato a risolvere di persona la questione energia elettrica negli uffici, tra l’ altro poco distanti, “uccidendo tutti, facendo una strage.”

I poliziotti nel tentativo di identificare l’uomo, portandolo quindi negli uffici di Polizia, venivano nuovamente aggrediti, minacciati e colpiti dallo stesso con pugni e calci che si rifiuta di fornire le proprie generalità. Così a San Giovanni a Teduccio i poliziotti dell’ Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato Vicaria Mercato hanno arrestato D.E., napoletano, accusato di violenza , minaccia, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. L’uomo è stato denunciato inoltre in stato di libertà per rifiuto di generalità ed oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Gli agenti per le ferite riportate sono ricorsi alle cure mediche ospedaliere. Il 47enne in giornata sarà giudicato con il rito direttissimo.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest