Padre e figlio sospettati del ferimento: presunto movente il furto di un trapano elettrico da parte della vittima

NAPOLI – Lo avrebbero ritenuto responsabile del furto di un trapano elettrico, e quindi lo avrebbero atteso sotto casa per chiedergliene conto. Durante la colluttazione, il padre avrebbe incitato il figlio a sparare alle gambe della vittima. Due persone sono stati arrestate dalla Polizia nel quadro delle indagini sul ferimento del 54enne Ciro Rosano, avvenuto ieri sera in via Nuova detta Casoria, a San Pietro a Patierno. Giuseppe e Feliciano Ciccarelli, di 52 e 21 anni, sono rispettivamente cugino e nipote della vittima.Secondo la ricostruzione degli investigatori dei Commissariati Secondigliano e San Carlo Arena, i due arrestati  avrebbero atteso Rosano in strada a bordo di un’ auto. Dopo una colluttazione tra i due cugini, Giuseppe Ciccarelli avrebbe istigato il figlio a sparare contro. Il giovane quindi avrebbe centrato Rosano ad una gamba con una pistola semiautomatica.  Nei pressi dell’ abitazione dei Ciccarelli la Polizia ha recuperato un’arma che si sospetta sia quella utilizzata nel ferimento. La pistola è stata rubata nel 2014 a Grumo Nevano.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest