Traffico di droga, 18 arresti nel clan Amato-Pagano – Video

In carcere 14 indagati, altri 4 ai domiciliari

Nelle prime ore della mattinata odierna, in Provincia di Napoli i Carabinieri della Compagnia di Marcianise hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 18 indagati, di cui 14 in carcere e 4 agli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. L’indagine, che trae origine dal tentato omicidio di due persone di Marcianise, avvenuto a Caivano il 12 settembre 2012, ha consentito, tra l’altro, di accertare l’esistenza di un gruppo criminale dedito alla gestione delle piazze di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e crack a Melito di Napoli, per conto del clan Amato-Pagano, gli scissionisti di Scampia. Nel corso dell’attività i carabinieri hanno sequestrato droga per un peso complessivo di circa 12 Kg. tra marijuana, hashish, cocaina e crack.

 

L’INDAGINE: ANCHE DUE CASI DI LUPARA BIANCA – L’indagine copre un arco temporale che va dal 2012 al 2014. In questi anni gli inquirenti hanno osservanto la migrazione delle piazze di spaccio degli scissionisti dalla periferia nord di Napoli – 167, Bakù e Case dei Puffi – all’area di Melito, nell’hinterland, nei rioni 219 e Coscia Bonelli. Un riposizionamento obbligato dalla pressione delle forze dell’ordine. Secondo gli investigatori, i gestori delle due piazze rispondonevano per quanto riguarda l’approvvigionamento di droga a un direttivo di cui fa parte il boss Mario Riccio detto Mariano, arrestato il 4 febbraio dello scorso anno,  destinatario della misura cautelare. Il provvedimento è stato emesso a carico anche del suo luogotenente Davide Tarantino, ricercato dal 26 febbraio. Ma per lui, come per l’altro fedelissimo del boss Antonio Ruggiero, si sospetta un caso di lupara bianca dietro la sparizione. Ruggiero scomparve poco dopo l’arresto di Riccio e la sua auto fu ritrovata nelle campagne di Orta di Atella, nel Casertano. Avrebbe fatto parte del direttivo assieme a Riccio e ai maranesi Armando Di Somma e Castrese Ruggiero, entrambi arrestati stamani.

amato_pagano_clan_spaccio_melito_arrestati_ildesk

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest