Suppletive, Napolitano(M5s): “De Magistris ha abbandonato la zona orientale di Napoli”

Le vicende dell’ex Supercinema di San Giovanni a Teduccio e del Teatro Maestoso di Barra

De Magistris dove sei? È la domanda che mi pongono continuamente i cittadini della zona orientale di Napoli. Un’intera area abbandonata dall’Amministrazione comunale nel degrado sociale, dove la criminalità spara tra la gente e i rischi ambientali sono ancora altissimi”. Queste le parole del candidato alle suppletive per il Senato, Luigi Napolitano, che questa mattina ha visitato il mercato di viale 2 giugno a San Giovanni a Teduccio, accompagnato dagli attivisti del Movimento Cinque Stelle. “I cittadini mi hanno chiesto lavoro, politiche per i giovani e riqualificazione del territorio”, prosegue Napolitano, ricordando che, su questo fronte, il MoVimento 5 Stelle è fortemente impegnato. Tantissime le inadempienze dell’amministrazione comunale di Palazzo San Giacomo che hanno prodotto un grave stato di desolazione e di abbandono dei territori di Napoli Est. Un fallimento. Significativa la vicenda dell’ex Supercinema di San Giovanni a Teduccio cominciata addirittura nel 1996. I fondi per la struttura non sono mai venuti meno: nel rendiconto 2018 ancora appaiono residui passivi per l’ex Supercinema. A mancare sarebbe invece una delibera e alcuni documenti burocratici. I lavori per il ripristino del cinema Maestoso di Barra, malgrado gli stanziamenti decisi nel 2002, non sono mai iniziati, mentre i costi aggiornati risultano persino raddoppiati. Appare evidente che la negligenza più grave imputabile all’amministrazione del sindaco Luigi de Magistris resta quella politica. L’attuale primo cittadino non ha mancato di fare del solenne impegno per le periferie lo slogan elettorale per assicurarsi un secondo mandato. Il sindaco, invece, continua a dedicare tanta parte delle sue energie per farsi promotore di sedicente alternativa politica, mentre il territorio di cui egli è responsabile versa in un tale stato di abbandono.

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha assicurato che destinerà più di 30 milioni di euro per avviare le bonifiche del sito di sito di interesse nazionale (Sin) di Napoli est che comprende un’area di 830 ettari, 730 soggetti pubblici e privati e circa 14 chilometri quadrati di mare. Ai fondi stanziati dal ministero per l’attuazione della bonifica vanno sommati i 24 milioni già stanziati per quello stesso intervento nel 1998 e mai spesi.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest