Scritta contro Florino, de Majo replica all’attacco: “E’ covo di odio, chiudere sede Casapound”

La consigliera comunale esponente dei centri sociali: “Chiedono una mia dichiarazione? E’ singolare che prestino così tanta attenzione a delle scritte. Parlino di Fermo, di Ciro Esposito e Gastone”

E’ stata tirata in ballo per la presunta vicinanza agli autori materiali, mai identificati, del raid contro la sede napoletana di CasaPound. Con la scritta che augurava un aborto ad Emmanuela Florino, portavoce della locale sezione del movimento neofascista. Il consigliere comunale Eleonora de Majo, esponente dei centri sociali, replica all’attacco. “La portavoce di Casa Pound chiede una mia dichiarazione sulle scritte apparse l’altra notte sotto la loro sede. Ebbene – scrive de Majo su Facebook -, io penso semplicemente una cosa: è singolare se non ridicolo che un’esponente così in vista di un’organizzazione come Casa Pound presti così tanta attenzione a delle scritte e addirittura utilizzi questa cosa per guadagnarsi un po’ di visibilità in città”.

 

“Parliamo  – afferma il consigliere di Dema – della stessa organizzazione di cui portava la maglia l’assassino di Emmanuel mentre lo ammazzava, o sbaglio? (Emmanuel Chidi Namdi, il nigeriano ucciso a Fermo, ndr). Della stessa organizzazione che in tutta Italia ( meno che qui perché la Napoli antifascista non lo ha mai consentito) porta avanti sistematiche e vigliacche aggressioni ai danni di migranti e di omosessuali ? Della stessa che a Napoli ha organizzato aggressioni notturne a giovanissime studentesse delle scuole, che ha organizzato un vero e proprio agguato ai ragazzi del collettivo del Vittorini o che ha attaccato gli spazi occupati con le molotov ? Parliamo sempre della stessa organizzazione che dai proprio profili sbeffeggia la morte dei migranti anche quando sono bambini affogati nelle acque del mediterraneo? Bene. Se questa è  – prosegue de Majo – l’organizzazione di cui è esponente allora ci risparmiasse questo piagnisteo e questo ridicolo atteggiamento da vittima e magari piuttosto ci illustrasse le sue di posizioni, magari sulla strage di Fermo, su quella di Firenze, magari su Ciro Esposito e su Gastone, sui tanti atti violenti ( quelli si) firmati Casa Pound. Per quanto mi riguarda le sedi fasciste, covi di odio e intolleranza, andrebbero chiuse”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest