Primarie, Renzi sicuro di vincere: snobba il meeting in Campania

L’ex premier annulla la manifestazione al Belvedere di San Leucio con il direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, attaccata per l’adesione dell’alto funzionario: privilegia il confronto social con gli elettori e gli appelli tv

Un Renzi sicuro di avere in pugno la vittoria alle primarie di domani, al termine di un congresso lampo. Al punto da snobbare la manifestazione di chiusura della campagna elettorale in Campania, in programma per oggi al Belvedere di San Leucio, nel Comune di Caserta. A comunicare il forfait sono il segretario regionale del Pd , Assunta Tartaglione, e il commissario provinciale del Pd di Caserta, Franco Mirabelli.  “Apprendiamo che domani (oggi per chi legge, ndr) Matteo Renzi sarà costretto a restare a Roma per gli ultimi appelli televisivi in vista delle primarie di domenica. L’iniziativa sui temi della cultura e sul Mezzogiorno, con il ministro Franceschini e il sindaco Marino, è solo rimandata. Matteo Renzi tornerà sicuramente a Caserta e, in quell’occasione, avrà modo di occuparsi anche della situazione dell’ente Provincia di Caserta e dei suoi dipendenti”. Renzi sarà impegnato nell’ultimo confronto social con gli elettori, il #Matteorisponde, dalle 11 e con gli ultimi appelli televisivi al voto. Annullato quindi l’appuntamento casertano che aveva suscitato polemiche tra i sostenitori della mozione Orlando per la presenza, oltre che del sindaco Carlo Marino, anche del direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, la cui adesione ad una manifestazione politica era stata giudicata inopportuna in quanto vertice di un’istituzione pubblica di prestigio.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest