Pozzuoli, lite davanti a bar: grave 33enne accoltellato, fermato 24enne

Il ferimento martedì scorso a Monteruscello. In prognosi riservata la vittima. Accusato di tentato omicidio giovane di Quarto

Ancora non sono stati chiariti i motivi che, nel pomeriggio di martedì, hanno portato al ferimento di un uomo di 33anni a Monteruscello, nel Comune di Pozzuoli.

Gli agenti del Commissariato Pozzuoli, però, al termine di indagini, nella serata di ieri, sono riusciti a rintracciare e sottoporre a fermo un 24enne di Quarto. N.C., incurante che gli fosse stato imposto l’Alt Polizia in Via Spinelli all’incrocio con Via Plinio il vecchio, è stato bloccato dai poliziotti in Via Mommsen, mentre era a bordo della sua autovettura.

Il giovane ha da subito manifestato una certa insofferenza al controllo di Polizia, adducendo scuse circa il fatto che era in procinto di partire alla volta di Londra.

I poliziotti, nonostante l’atteggiamento reticente della vittima che rifiutava di indicare il responsabile del ferimento, sono riusciti a ricostruire la dinamica dei fatti, verificatisi all’esterno di un bar in località Monteruscello, accertando che tra i due, vi era già stata una precedente lite dove il givane aveva avuto la peggio.

Per colpa della pioggia battente, nel luogo teatro dei fatti, non è stato possibile individuare tracce ematiche.

I poliziotti, però, hanno sequestrato un pantalone di jeans, già sottoposto a lavaggio ed un paio di scarpe ginniche, indossate da N.C. il giorno in cui avrebbe accoltellato il 33enne. L’uomo è stato condotto all’ospedale S. Maria delle Grazie di Pozzuoli, con prognosi riservata, dove attualmente è ricoverato. Ha riportato lesioni all’emitorace sinistro, regione lombare sinistra con frattura delle costole.

Il 24enne, che a suo dire si era fatto medicare in altro ospedale, prima d’esser condotto dai poliziotti alla Casa Circondariale di Poggioreale, è stato medicato presso l’ospedale Loreto Mare per una ferita da taglio alla mano, guaribile in 10 giorni. Al vaglio della polizia le immagini del sistema di videosorveglianza del bar dove si sono svolti i fatti.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest