Napoli, ragazza violentata e rapinata: incrocia aguzzino al pub e lo fa arrestare

I primi due componenti della banda fermati il 22 marzo

Appena uscita da lavoro, fu seguita in auto fin sotto casa, aggredita e palpeggiata e infine rapinata della borsa. Per quell’aggressione ad una 27enne del quartiere napoletano del Vomero furono fermati in due il 22 marzo, con l’accusa di rapina aggravata in concorso e violenza sessuale di gruppo. Oggi è stato bloccato il terzo componente della banda dai carabinieri della stazione Vomero-Arenella, in esecuzione dell’ordinanza emessa dal gip. La vittima lo ha incontrato per caso, circa due mesi dopo il fatto, in un discopub di Napoli. Si tratta di un 24enne incensurato di origine araba, residente ai Quartieri Spagnoli che quando ha incrociato lo sguardo della ragazza si è dato alla fuga. Ma la 27enne ha immediatamente riferito l’accaduto ai carabinieri, che hanno portato avanti le ricerche fino a riuscire a identificarlo. La vittima lo ha infine riconosciuto in un confronto “all’americana” ed è così il giovane è stato portato nel carcere di Poggioreale.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest