Napoli, il nuovo rimpasto di de Magistris fa infuriare gli operai Whirpool

Ridimensionato Panini, salta l’accordo Fucito-Guanci

Il sindaco  di Napoli, Luigi de Magistris ufficializza il rimpasto. Il dodicesimo rimpasto in 10 anni. Conferenza stampa alla Sala dei Baroni per spiegare le ragioni dell’ultimo giro di poltrone assessoriali.

Esce il vicesindaco Enrico Panini e l’assessore al welfare Monica Buonnano, entrano l’ex Verdi Marco Gaudini oggi in quota del movimento “Davvero” e Giovanni Pagano sindacalista Usb vicino alla consigliera Laura Bismuto, proveniente dalla cosiddetta “area antagonista”. Stando ai soliti bene informati Pagano si candiderà alle prossime elezioni comunali in coppia con la Bismuto in una delle liste componenti della coalizione che sosterrà la candidatura a sindaco Alessandra Clemente. Corsi e ricorsi storici partenopei. Ancora una volta vengono puntualmente premiati con incarichi e poltrone coloro che indossano le casacche degli “antagonisti”, agitatori, calmieratori di professione che impediscono, prevengono, controllano o contengono ogni forma di conflitto per garantire la pace sociale in nome del solito “interesse generale”. I disoccupati e i precari ancora una volta utilizzati come massa da manovrare, una sorta di trampolino di lancio per soddisfare le ambizioni di potere. Qualche sindacato di base conferma la mancanza di autonomia e di indipendenza.

E non solo. Una poltrona assessoriale è stata assegnata ad un consigliere protagonista di un clamoroso audio segreto diffuso da un giornale online. Emerse un “complotto” contro il primo cittadino accusato di impedire una distribuzione “equa” degli incarichi di sottogoverno.

E a proposito di ambizioni, da segnalare la bocciatura, la secca sconfitta di Sandro Fucito. L’attuale presidente del consiglio comunale sembra che mirasse alla poltrona di vice sindaco. Stando ad alcune indiscrezioni, l’ex rifondarolo vomerese faceva parte di un accordo consociativo con l’opposizione. Un accordo che prevedeva di affidare la presidenza del consiglio a Salvatore Guanci, consigliere comunale di Forza Italia. Un “riconoscimento” per il sostegno politico nell’ultima seduta sul bilancio. Un accordo consociativo saltato nelle ultime ore. Non c’erano i voti sufficienti in aula per garantire l’elezione di Guanci.

Giovanni Pagano

 “Ho proposto a Enrico Panini, che ringrazio, di fare il capo di gabinetto della Citta’ metropolitana. È un ruolo strategico. Panini – ha detto de Magistris – accetta una sfida difficile e non merita la narrazione tossica di queste ore. Non c’e’ nessun ridimensionamento politico”. Nonostante la retorica e le dichiarazioni di circostanze, l’ex segretario nazionale della Cgil è stato sostanzialmente ridimensionato sul piano politico. L’incarico a Città Metropolitana è una collocazione a tempo. Entro l’estate, il cigiellino tornerà a casa, in Emilia Romagna.

Pietro Rinaldi

Il capo di gabinetto uscente Pietro Rinaldi, un altro “ex antagonista-rinfondarolo” dovrebbe essere collocato nel consiglio d’amministrazione dell’Ente Mostra D’Oltremare. Una sorta di contentino per garantirgli un “sostegno al reddito”.

De Magistris ha ringraziato anche Buonanno “persona a cui ho proposto – ha spiegato – un ruolo importante nella nostra squadra istituzionale”. Buonanno dovrebbe guidare la direzione nazionale di demA, il movimento politico creato dall’ex Pm

Carmine Piscopo e Sandro Fucito

L’incarico di vice sindaco è stato conferito all’attuale assessore all’urbanistica Carmine Piscopo.

E’ l’ultimo atto per il sindaco con la bendana che lascia il campo ad Alessandra Clemente e si dice pronto a presentare la sua candidatura alla Regione Calabria.

L’ex Pm ha sostanzialmente aperto la campagna elettorale e sferrato un attacco ai parlamentari napoletani del partito democratico. 

E’ un momento importante per Napoli – ha dichiarato De Magistris –  Fino all’ultimo giorno del mio mandato compierò azioni nell’interesse della città, ma ci stiamo avviando alla fine e per questo abbiamo deciso di dare forza a chi ha mostrato impegno. Per me non è facile questo passaggio, il mio obiettivo è lavorare già da ora per comporre una squadra ancora più forte e coesa. Credo sia giusto affidarsi e dare spazio ai giovani, appoggiando la candidatura a sindaco di Alessandra Clemente. Anche tenendo conto della possibilità di candidarmi a presidente della Regione Calabria. Mancano pochi mesi alle elezioni di giugno – ha aggiunto de Magistris – e ci prepariamo per votare. Servirà un lavoro incredibile per portare avanti una entusiasmante campagna elettorale. Provo un po’ di vergogna verso chi, in prossimità delle elezioni, parla di leggi speciali per Napoli, quando per anni ci hanno detto che per questa città non ci fosse un euro. Certi esponenti di partito dovrebbero chiedere scusa alla città per essersi sempre girati dall’altra parte di fronte ai problemi”.

enrico panini

Le nuove deleghe – Marco Gaudini sarà il nuovo assessore al trasporto pubblico e mobilità, con altre deleghe tra cui la viabilità. Il bilancio e le partecipate passano a Rosaria Galiero. Giovanni Pagano si occuperà di politiche del lavoro e innovazione. Le deleghe di Monica Buonanno, invece, saranno divise tra Annamaria Palmieri e Francesca Menna.

Rosaria Galiero

I lavoratori della Whirpool attaccano il sindaco per la rimozione di Monica Buonanno – In un periodo così difficile per il Paese e per il territorio, dove le incertezze lavorative ed il futuro sono sempre messi a dura prova, un ennesimo colpo alla città  ed a noi lavoratori Whirlpool che dopo aver perso già  in passato l’assessore al lavoro della regione, Sonia Palmeri oggi vengono a conoscenza della scelta del comune di togliere l’incarico all’assessore Monica Buonanno“. E’ quanto si legge in una nota diffusa dai lavoratori Whirlpool di via Argine. “Questo per noi – precisano i lavoratori – E’ un atto scellerato che non tiene conto dell’impegno dell’assessore sia per il territorio che sulla vertenza stessa”. “Abbiamo vissuto fianco a fianco momenti difficili ed insieme abbiamo affrontato problemi di ambito sociale e lavorativo. Togliere una personalità del genere – concludono i lavoratori della Whirlpool – per noi vuol dire perdere una figura di riferimento, ma anche una persona capace, che ha seguito passo passo anche in sede istituzionale al Mise la nostra vertenza, difendendoci come città in primis e sostenendoci moralmente”.

Cgil, Cisl e Uil contro il siluramento di Panini e Buonanno – “Ci lascia sorpresi la decisione del sindaco De Magistris, a quattro mesi dal rinnovo del consiglio comunale, di effettuare un rimpasto”. E’ quanto affermano i segretari generali di CGIL CISL UIL Napoli, Nicola Ricci, Gianpiero Tipaldi e Giovanni Sgambati.In questi anni – precisano Ricci, Tipaldi e Sgambati – il rapporto con la giunta non è stato eccellente e l’unica interlocuzione improntata ad un ascolto vero la abbiamo constatata e mantenuta con Enrico Panini e Monica Buonanno”. “Non possiamo che apprezzare il loro lavoro – concludono i segretari di Cgil Cisl Uil Napolie il loro rapporto costante col mondo del lavoro e non crediamo che i prossimi quattro mesi, soprattutto con questi ultimi cambiamenti, saranno utili per una nuova e proficua collaborazione tra giunta comunale e organizzazioni sindacali“.

Ciro Crescentini

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest