Napoli, Bassolino: “Rimettere in piedi il Welfare e affermare diritto al lavoro”

I tempi della città sono un tema attuale che in pandemia è venuto fuori: differenziare aperture di scuole, uffici e negozi. Se siamo una città  solidale allora possiamo far scattare una cosa necessaria: la fiducia in noi stessi.

Il candidato a sindaco di Napoli, Antonio Bassolino oggi ai microfoni di Radio Crc si è soffermato sullo stato sociale, la povertà e il reddito di cittadinanza. “Una città  si tiene assieme attraverso i legami sociali e civili. E’ molto importante che ci siano effettivi diritti e questo aiuta l’esercizio di doveri civili, ci dobbiamo saper rapportare nel modo giusto. Io parlo di sicurezza sociale perchè è tale con l’ordine pubblico e anche con la costituzione civile, come direbbero gli illuministi napoletani del ‘700. Va fatto con l’educazione e la scuola, dai bambini fino ai livelli più alti. Qualche giorno fa ero a Roma e ho accompagnato mia nipote a scuola, era triste e dopo un po’ ho capito qual era il motivo: era l’ultimo giorno di scuola. Basta andare all’uscita per vedere quanto conta per i bambini, scuole a tempo pieno e poli per l’infanzia in ogni municipalità . Questo è importante soprattutto nei quartieri difficili”

UN WELFARE NAZIONALE, LOCALE E MUNICIPALE – “Mi sembra indubbio – aggiunge – che sul tema della scuola serviva più attenzione. Dobbiamo rimettere in piedi un welfare nazionale ma anche locale e municipale, questa è una delle scelte della prossima amministrazione. Un welfare che riprenda anche esperienze e idee fatte a Napoli rilanciando in modo aggiornato: le mamme dei quartieri, la scuola aperta di pomeriggio, i nonni civici. I tempi della città sono un tema attuale che in pandemia è venuto fuori: differenziare aperture di scuole, uffici e negozi. Se siamo una città  solidale allora possiamo far scattare una cosa necessaria: la fiducia in noi stessi. Le risorse per il welfare arriveranno e noi dobbiamo saperle spendere”.

REDDITO DI CITTADINANZA FINALIZZATO AL LAVORO – L’esponente storico della sinistra napoletana e campana esprime un giudizio articolato sul reddito di cittadinanza: “Il reddito di cittadinanza deve essere rivisto perchè in una situazione come questa, ben sapendo anche errori nell’impostazione e abusi da contrastare, è indubbio che sia stata una misura che, in città   impoverite, abbia avuto un suo senso: bisogna andare alle mense Caritas o al monte dei Pegni per capire cosa è successo. Fondamentale è che sul reddito di cittadinanza non si faccia confusione, dentro non possono esserci insieme interventi sociali e politiche del lavoro – ha sottolineato Bassolino – Tante famiglie napoletane sono senza medico di base, nella periferia orientale mancano 16 medici perché  in pensione e ci sono tanti anziani soli, impauriti. Se siamo riusciti a reggere è perchè sono state reclutate tante figure nuove e bisogna renderle strutturali“. “La fiducia – ha concluso – si ottiene con il lavoro dignitoso, dobbiamo affermare il diritto al lavoro e i diritti nel lavoro. Ci sono forme di sfruttamento inaudito“.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest