In Campania allerta meteo prorogata: frane e allagamenti, disagi nelle province

Dissesto idrogeologico, compromesse alcune aree della Costiera Amalfitana. Situazioni difficili a Giugliano, per ostruzione della foce di Lago Patria, tra i comuni di Cervinara e Rotondi in Irpinia per l’esondazione del fiume Isclero-Carmignano, a Roccamonfina, nel Casertano, per frane superficiali

La Protezione civile regionale della Campania ha prorogato l’allerta meteo Arancione fino alle 23.59 di domani. Dopo una notte e una mattinata di piogge e vento, le situazioni più difficili segnalate dalla Sala operativa sono registrate a Giugliano, per ostruzione della foce di Lago Patria; tra i comuni di Cervinara e Rotondi in Irpinia per l’esondazione del fiume Isclero-Carmignano nella zona dell’asse attrezzato dell’area Asi; a Roccamonfina, nel Casertano, per frane superficiali in località Sessa, Marzano, Conca, Teano, Campagnola.

Le condizioni di maltempo stanno determinando situazioni critiche in diverse zone del territorio. La Protezione civile della Regione sta coordinando le attività inviando tecnici e volontari nelle numerose aree interessate da fenomeni di dissesto idrogeologico. In particolare, nelle ultime ore, risultano compromesse alcune aree della Costiera Amalfitana: una frana sta interessando via della Repubblica, in corrispondenza del costone al di sotto del comune di Ravello: al momento, non vengono segnalati feriti o danni a cose ma i Vigili del fuoco stanno provvedendo a fare evacuare i cittadini della zona.A Scala ed Atrani si monitorano costantemente le condizioni del torrente Dragone: il sindaco del Comune di valle, Luciano De Rosa, ha firmato un’ordinanza per invitare i cittadini a non sostare nei piani bassi degli edifici e ha liberato via dei Dogi in via precauzionale.Situazioni critiche in tutta la Costiera Amalfitana: a Minori, Amalfi, Cetara dove la situazione è critica per una esondazione che sta interessando il centro cittadino. Nel Salernitano, a Vietri l’acqua ha invaso le strade. In Prefettura a Salerno è stato attivato il Centro Coordinamento Soccorsi al quale prenderà parte anche il vicepresidente della Giunta regionale, Fulvio Bonavitacola insieme alla Protezione civile della Regione Campania. I collegamenti con la Costiera sono già compromessi dalla frana della settimana scorsa a Maiori. Il Direttore generale della protezione civile, Italo Giulivo, ha provveduto a contattare i sindaci dei comuni della Costiera Amalfitana interessati dai temporali di queste ore, al fine di predisporre le azioni necessarie a supporto delle Amministrazioni comunali e degli enti già attivi.Sono diverse le situazioni segnalate alla Protezione civile in tutta la Campania.Chiusa l’autostrada A3 all’uscita Caianello. A Visciano, in provincia di Napoli, per la rottura degli argini di un alveo si sono determinate esondazioni che hanno reso necessario far evacuare alcune famiglie. Anche a Forino risulta nuovamente allagata la frazione Celzi dove squadre di protezione civile stanno provvedendo all’allontamento della popolazione dalle zone a rischio. In valle Caudina sono in atto interventi da parte della Sma Campania coordinati dalla protezione civile regionale. Criticità sono segnalate anche a Roccabascerana, Serino, Cervinara. Varie frane stanno interessando i comuni del casertano di Rocca D’Evandro, Roccamonfina e Teano. A Napoli diversi assi stradali sono come fiumi in piena, a partire da via Cesario Console, e il raccordo autostradale tra Soccavo e Vomero. Straripamenti a Castellammare di Stabia del fiume Sarno, con il crollo senza conseguenze per persone di un ponticello pedonale. 

In provincia di Napoli altri allagamenti si registrano nel comune di Poggiomarino. Il Direttore della Protezione civile regionale, Italo Giulivo, tiene costantemente informato il presidente della Regione, Vincenzo De Luca che sta seguendo l’evolversi della situazione anche attraverso gli uffici del Gabinetto.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest