Gragnano, opificio nascosto dietro un salone da barbiere: denunciati in 2

Nel retrobottega 3 donne italiane, impiegate in nero, stavano lavorando alla realizzazione di costumi da bagno

I carabinieri hanno denunciato il proprietario e il conduttore dell’immobile: sono un 66enne e un 53enne del posto; il secondo è un imprenditore tessile. Durante controlli per il contrasto al lavoro “nero” e alle violazioni della normativa sul lavoro, a Gragnano i carabinieri della locale stazione, con il nucleo carabinieri ispettorato del lavoro e il nucleo operativo ecologico di  Napoli hanno controllato in via Incoronata un locale originariamente destinato a garage, a cui era stata cambiata la destinazione d’uso in barberia. Nel retrobottega hanno scoperto un secondo locale -non censito al catasto- destinato abusivamente ad opificio tessile. Lì 3 donne italiane, impiegate in nero, stavano lavorando alla realizzazione di costumi da bagno.

Per eludere i controlli era stato installato un impianto di videosorveglianza che consentiva di monitorare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine, interrompere la produzione e far allontanare le lavoratrici da una porta che dà sulla pubblica via, nascosta da una copertura in mattoni.L’immobile è stato sequestrato insieme a 12 macchine da cucire e tessuti.

 

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest