Falso in atto pubblico, De Luca di nuovo indagato

L’indagine relativa alla variante al progetto per la realizzazione di piazza della Libertà a Salerno. I fatti contestati risalgono all’epoca in cui il governatore era sindaco

SALERNO –  I fatti contestati risalgono all’epoca in cui De Luca era sindaco di Salerno. Un nuovo avviso di garanzia è stato notificato dalla Guardia di Finanza al governatore della Campania. Stavolta De Luca è indagato per falso in atto pubblico, nell’ambito dell’indagine sulla variante al progetto di restyling di piazza della Libertà a Salerno. Identico provvedimento emesso anche a carico di altre persone, tra i quali tecnici e componenti della vecchia giunta. L’opera al centro dell’inchiesta rientra nella riqualificazione della zona di Santa Teresa dove è prevista anche la costruzione di un edificio. Per realizzare la nuova piazza è stato abbattuto un fabbricato che ospitava un albergo. Da tempo il progetto ha suscitato polemiche tra gli ambientalisti, perché le opere avrebbero riguardato anche il letto del fiume Fusandola. Per il completamento saranno necessari almeno altri 18 mesi.

 

DE LUCA: “FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA” – De Luca parla alla trasmissione Radio Goal di Radio Kiss Kiss Napoli, e dice di avere “piena fiducia nella magistratura. Non ci lasciamo distrarre: seguiamo la linea Sarri”. Il governatore spiega che la giunta comunale di Salerno approvò “una variante per far fronte ad un imprevisto geologico”. Fu scoperto che sotto la piazza scorreva il Fusandola.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest