La Procura chiede il rinvio a giudizio per Giordano, deputato di Sel, per l’attuale sindaco Pd, Foti, e il predecessore Galasso, ex dem ora candidato alla Regione per Forza Italia

AVELLINO – La richiesta di rinvio a giudizio riguarda il deputato Sel Giancarlo Giordano, nel 2005 assessore comunale, l’ex sindaco Giuseppe Galasso, all’epoca esponente del Pd, oggi candidato alla Regione con Forza Italia, e gli altri assessori comunali di Avellino Sergio Barile, Ivo Capone, Luca Iandolo, Tony Iermano, Donato Pennetta, Raffaele Pericolo, Antonio Rotondi e Antonio Spina. Gli stessi reati sono contestati anche all’attuale sindaco di Avellino Paolo Foti, al proprietario dell Isochimica, Elio Graziano, condannato per lo scandalo delle lenzuola d’oro nelle forniture alle Ferrovie Italiane. Un’infornata di politici rischia il processo per la vicenda dell’Isochimica di Avellino. La Procura diretta da Rosario Cantelmo contesta agli indagati i reati di disastro ambientale e omicidio colposo. L’inchiesta prende in esame la mancata bonifica dell’aziendache negli anni 80 scoibentava le carrozze ferroviarie senza rispettare le norme in materia di sicurezza per il trattamento di amianto. Nello stabilimento sono ancora interrate tonnellate di amianto e le operazioni di una bonifica profonda non sono mai cominciate. Una ventina di ex operai, secondo il comitato civico che si è costituito, sono morti in questi anni per gli effetti dell’esposizione all’amianto senza misure di protezioneI pm Roberto Patscot ed Elia Taddeo chiamano a giudizio, tra gli altri, anche per lesioni, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio i responsabili della sicurezza nello stabilimento di Pianodardine Vincenzo Izzo e Pasquale De Luca e i funzionari di Ferrovie dello Stato Aldo Serio, Giovanni Notarangelo, Mauro Finocchi e Silvano Caroti, assieme al responsabile del procedimento per la bonifica Giuseppe Blasi, l’amministratore delegato della società Eurokomet che si aggiudicò i lavori di bonifica Biagio De Lisa, il curatore fallimentare dell’Isochimica Leonida Gabrieli. Il Gup del tribunale di Avellino Fabrizio Ciccone dovrà ora fissare la data per l’udienza preliminare.

(Foto corpoforestale.it)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest