De Magistris vs Renzi, nuovo atto: “Nastasi fa politica, ci espropria su mandato del premier”

Il sindaco di nuovo contro il presidente del consiglio: “Volevano commissariare Napoli ma non ci sono riusciti”

NAPOLI – Alla vigilia di Capodanno la sciabolata del premier, in un’intervista al Mattino (“Amo Napoli ma non ci vado, de Magistris, che ha parlato di Comune derenzizzato, non ha stile”). Passato qualche giorno, arriva la risposta del sindaco, con una raffica di accuse. Per de Magistris, il commissario del governo per Bagnoli “è venuto qui a fare politica, mandato da Renzi a espropriare il nostro territorio. Nastasi  – dichiara il primo cittadino a a Sky Tg24 – si deve chiedere cosa è stato fatto in 20 anni per Bagnoli. Noi agiamo con le mani pulite, stavamo partendo quando è arrivato un commissario in violazione” della Costituzione. E inoltre, come già detto più volte in passato, Renzi “il 14 agosto 2014 ha firmato un protocollo” su Bagnoli “che ha disatteso”. Infine, il sindaco ripete che “hanno cercato di commissariare Napoli, hanno cercato di farci fuori e non ci sono riusciti” perché “a Napoli c’è la democrazia, c’è il popolo” che decide. “Non consentiremo – conclude de Magistris – a nessuno di mettere le mani sulla città, né a Nastasi né al presidente del consiglio. Sappiamo di essere Davide contro Golia, ma in Italia c’è la democrazia”.

(Foto Francesco Bassini)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest