Concorso lumaca alla Regione, presunte irregolarità sui titoli: doppia inchiesta

La scoperta della Corte dei conti dopo le denunce dei 71 candidati della procedura revocata a una settimana dagli orali. E ora scatta la denuncia in Procura

NAPOLI – Possibile svolta, nella vicenda del concorso lumaca alla Regione. La procedura che beffò 71 candidati esterni ad una settimana dall’espletamento delle prove orali. Come riporta il quotidiano Metropolis, dopo una trafila fra Tar e Corte dei Conti, il caso sta per approdare alla Procura della Repubblica. E’ proprio la magistratura contabile a scoprire presunte irregolarità nelle procedure di selezione interna, l’unica giunta al traguardo. L’ipotesi è che funzioni dirigenziali sarebbero state attribuite ad impiegati sprovvisti di laurea. Titolo conseguito soltanto a concorso superato. La Procura della Corte dei Conti apre così un fascicolo assegnato al sostituto procuratore Marco Catalano, che dispone nei giorni scorsi l’acquisizione di documenti del consiglio e ascolta una dirigente della Regione. L’indagine spinge la truppa dei candidati esclusi a percorrere ancora la strada della giustizia penale, con un nuovo esposto alla Procura della Repubblica. Sarà solo l’ultima tappa di una battaglia aperta da quel concorso bandito nel 2004. Il sogno di un posto statale, inseguito tra rinunce e centinaia di ore trascorse sui libri. Ma ora la palla passa ai giudici.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest