Giuseppe Ammendola era ricercato dal 2012: lo hanno acciuffato a Torvajanica

ROMA – Era sulla spiaggia di Torvajanica, sul litorale della Capitale, come un bagnante qualsiasi. Ma la villeggiatura era in realtà una latitanza lunga 3 anni,  terminata quando i poliziotti hanno messo le manette a Giuseppe Ammendola, considerato reggente del clan Contini-Licciardi, inserito nell’elenco dei 100 ricercati più pericolosi. E’ destinatario di due ordinanze di custodia cautelare per estorsione aggravata dal metodo mafioso, associazione mafiosa e riciclaggio. A catturarlo gli agenti dello Sco e dalle squadre mobili di Roma e Napoli.

 

LA CATTURA – Ammendola era in spiaggia (foto in basso), in costume a prendere il sole, quando è stato sorpreso dalla polizia. Era in compagnia dei familiari e soggiornava da tempo a Torvajanica, in provincia di Roma. Era disarmato e non ha opposto resistenza. L’appartamento che aveva preso in fitto in via Colonia è stato perquisito, ma non sono state trovare armi. All’interno sono stati rinvenuti e sequestrati la somma di 3500 euro in contanti, 2 telefoni cellulari ed un computer. Sequestrata anche l’autovettura Peugeot in uso al latitante.

 

CHI E’ – Ammendola, alias Peppe ‘o guaglione, è ritenuto reggente dello storico clan del rione Vasto, alleato con i Licciardi ed i Mallardo nel cartello della “Alleanza di Secondigliano”. Una leadership seguita agli arresti di Patrizio Bosti (2008) e di Paolo Di Mauro (2010), uomini che avevano tenuto le redini della cosca negli anni successivi alla cattura del boss Eduardo Contini, dietro le sbarre da 8 anni. Ammendola ha due condanne in primo grado: a 13 anni ed 8 mesi di reclusione per estorsione aggravata ai danni di una famiglia di commercianti di abbigliamento, i Vinciguerra, con negozi nella zona del Ponte di Casanova; a 14 anni di reclusione per le accuse di associazione mafiosa e riciclaggio. Per gli inquirenti aveva l’incarico di gestire il business della contraffazione e del commercio illegale dei capi di abbigliamento nell’area del Borgo Sant’Antonio.
ammendola_giuseppe_mare_ildesk

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest