Caserta, il biglietto dei bus dei pendolari aumenta del 70 per cento

Sulla questione interviene Link, sindacato universitario

Un duro colpo per centinaia lavoratori e gli studenti pendolari casertani che ogni mattina si recano a Napoli. Il biglietto della tratta su gomma Caserta-Napoli –  servizio gestito da un’azienda privata –  è aumentato del 70 per cento, passando da 2 euro a 3,40 euro.  “Troviamo inaccettabile come un tale rincaro dei prezzi vada a pesare su tanti pendolari che ogni giorno vedono negato il proprio diritto ad un servizio di trasporti dignitoso ed efficiente – sottolinea in una nota Link, sindacato universitario – Pare che l’aumento dei prezzi sia dovuto agli adeguamenti del Consorzio Unico Campania, che, invece di ragionare su come migliorare il servizio ed abbassare la tariffa del biglietto del treno, che, negli anni, è arrivato a costare 3.40 euro, ha deciso di alzare quella sui pullman. Il costo del biglietto non sarà più sostenibile per molti pendolari e questo creerà difficoltà diffuse, facendo spendere 6.80 euro al giorno solo per spostarsi da Caserta a Napoli e viceversa – ribadiscono gli esponenti sindacali universitari – Vogliamo certezze su ciò che succederà nei prossimi mesi: chiediamo a gran voce che il Consorzio Unico Campania venga incontro alle necessità di migliaia di persone, per garantire un effettivo diritto al trasporto pubblico allo studio e alla mobilità”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest