Proteste dai comitati precari nel corso di “Parallelo Italia”, che chiedevano di poter intervenire. Anche un tentativo di invasione

NAPOLI – Fischi, contestazioni e una tentata invasione. La diretta da Napoli di “Parallelo Italia” si trasforma in un braccio di ferro tra il conduttore Gianni Riotta e i comitati di precari, in piazza per parlare del massacro sociale del territorio. Tutto inizia quando prende parola Gennaro Migliore, il deputato ex Sel folgorato sulla via di Renzi. Un invasore tenta di salire sul palco del programma di Raitre, allestito in piazza Municipio. Lo bloccano mentre è a un passo dal conduttore e dagli ospiti, che oltre a Migliore sono Stefania Prestigiacomo, deputata forzista, e Carla Cantone, segretario dello Spi-Cgil. Nel mirino dei contestatori c’è proprio il parlamentare renziano. Ma col passare del tempo la protesta si rivolge anche contro il giornalista, che rifiuta di concedere spazio agli operai licenziati Fiat e al comitato per il reddito garantito. Nonostante la trasmissione evochi i temi della disoccupazione. La tensione sale e durante l’esibizione della cantante Malika Ayane sul palco piove qualche oggetto, e Riotta si offende definitivamente. Durante una pausa, il giornalista si infuria con gli addetti alla sicurezza. Grida: “Non siete riusciti a difendere i miei ospiti”, come mostra il video. I dimostranti sono guardati a vista da un cordone di forze dell’ordine, e in piazza la calma torna solo dopo un bel po’.



Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest