Campania zona rossa, subito protesta a Napoli

Manifestanti sul lungomare contro la misura anti Covid, al grido di “libertà”

Quando la decisione non è ancora ufficiale, a Napoli è subito partita la protesta contro il passaggio della Campania in zona rossa. In giornata il ministero della salute dovrebbe ufficializzare la misura anti Covid. Ma intanto, alle prime indiscrezioni, una folla di manifestanti si è riversata sul lungomare, dirigendosi sotto la Regione. Il grido della protesta è “libertà”, ma anche “lavoro”. In piazza ci sono precari e disoccupati, ma anche commercianti ambulanti. Gli ambulanti dei mercati rionali avevano iniziato a manifestare nel primo pomeriggio, denunciando di essere stati esclusi dai ristori. Intanto, in largo Berlinguer, un gruppo di attivisti ha presidiato l’ingresso della sede della Bnl per chiedere “una million tax: una tassa che prenda i soldi dai Paperoni del paese, da quel 10% della popolazione che possiede il 40% della ricchezza nazionale”. Tutti i manifestanti si riuniranno tra poco in piazza Plebiscito per una protesta convocata già nei giorni scorsi e confermata dopo all’annuncio della Campania zona rossa. Le reti sociali napoletane denunciano che “migliaia di famiglie sono state lasciare senza alcuna forma di sostegno economico. Il disastro di contrapporre salute e condizioni materiali di sopravvivenza si sta materializzando. Urgono risorse e sostegno immediato alla sanità ma anche alla condizione sociale delle famiglie”. Nell’area è imponente lo schieramento di forze dell’ordine.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest