Campania allagata, Sannio in ginocchio: due morti, allerta per il Volturno

Vittime una 70enne a Pago Veiano, travolta da fango e detriti, e un 70enne colto da infarto a Montesarchio. Il sindaco di Benevento: “Nessuno ci ha avvisato dell’esondazione del Calore”

NAPOLI – Il maltempo flagella la Campania. Pesantissimo il bilancio, che registra due vittime nel Sannio, la zona più colpita. A Montesarchio un 71enne è stato fulminato da un infarto mentre liberava la sua casa dal fango. A Pago Veiano la 70enne Anna De Ieso è stata travolta a pochi metri dal suo casolare in aperta campagna da una gran quantità di acqua e fango, in contrada Iscalanoce, L’incidente intorno alle 4.15. Il corpo senza vita è stato trovato questa mattina alle 6.30 dai carabinieri della Stazione di Pietrelcina. Secondo la ricostruzione la donna spaventata dall’allagamento delle strade limitrofe alla sua abitazione, aveva deciso di lasciare la sua casa e di tentare di fuggire.

 

SANNIO – Situazione critica nel Sannio. A Benevento continuano le attività di messa in sicurezza. Ultimate le operazioni per salvaguardare l’incolumità dei cittadini, è partita l’azione di ripristino e liberazione delle strutture civili e pubbliche allagate. Centinaia gli interventi effettuati. In arrivo mezzi per il movimento terra e altre idrovore dell’Esercito precedentemente impegnate nel Casertano. I collegamenti stradali interni sono rientrati nella normalità sulla quasi totalità del territorio cittadino. Diversa la situazione per i collegamenti da e per la città: la percorribilità è assicurata quasi esclusivamente ai mezzi di soccorso. Anche alla luce di questa condizione permane l’obbligo di utilizzare mezzi privati per gli spostamenti solo nei casi di assoluta necessità.  Per assicurare assistenza a tutti gli sfollati è stato allestito un centro di prima accoglienza presso la struttura comunale di San Pasquale. Il sindaco Fausto Pepe ha disposto che le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse sia nella giornata di domani che in quella di sabato proprio. Predisposto un servizio di controllo degli istituti da parte delle forze dell’ordine per evitare fenomeni di sciacallaggio.  Diversi i corsi d’acqua esondati. I torrenti Reinello e Calore hanno causato numerosi allagamenti nel capoluogo e nel comune di Dugenta. In provincia particolarmente colpiti i comuni di Pesco Sannita, Ponte, Valle Telisana, Solopaca, Vitulano dove delle frane hanno reso necessaria l’evacuazione di alcune abitazioni. Straordinari per il Comando dei Vigili del Fuoco. Le zone più colpite nel capoluogo sono le località Pantano, via dei Longobardi, via Ponticelli, zona Santa Clementina, zona industriale Ponte Valentino e via Cosimo Nuzzolo. Nel capoluogo chiesto l’intervento di due elicotteri per prelevare dai tetti di due abitazioni a Ponte Valentino e a contrada Pantano rispettivamente una donna con due bimbi e un’intera famiglia salita sul tetto dell’abitazione. In provincia forti disagi a Solopaca, Cautano, Reino, Pesco Sannita, Vitulano, Dugenta, Guardia Sanframondi e San Giorgio la Molara. Sono chiuse al traffico anche molte strade comunali e provinciali per caduta di alberi e massi. Nessun problema invece per i tratti autostradali.

 

TELEFONI ED ELETTRICITA’ KO – Tim comunica che una frana sulla Statale 87 tra Benevento e Campobasso, all’altezza della località di Fragneto Monforte, ha gravemente danneggiato due cavi in fibra ottica ad elevata potenzialità trasmissiva, che collegano la centrale di Benevento Centro. Forti disagi sul traffico telefonico fisso e mobile delle zone interessate. Risultano isolate varie località, tra cui il comune di San Bartolomeo in Galdo. I tecnici dell’azienda sono impegnati in un intervento, in particolare nell’area nord della provincia.  Difficoltà anche sul fronte dell’energia elettrica. Tecnici Enel e delle imprese collegate sono all’opera in alcune zone dei comuni di Benevento, Solopaca, Ponte e Dugenta. I problemi derivano da allagamenti di alcune cabine elettriche che per ragioni di sicurezza sono state disalimentate. Enel, in contatto con le istituzioni locali e la Protezione Civile, conta di ripristinare la normale l’erogazione di elettricità nelle prossime ore.

DIVIETO DI UTILIZZARE ACQUA –  Scuole chiuse e divieto di utilizzare l’acqua del condotto Carolino per usi alimentari a Sant’Agata de’ Goti, per le ordinanze del sindaco Elvira Nuzzolo. Divieto di bere dai rubinetti anche a Montesarchio a causa della rottura delle condutture idriche e delle fognature, per ordine del sindaco Franco Damiano.

CENTRO PER SFOLLATI – Un centro di accoglienza per gli sfollati è stato allestito dalla Caritas di Benevento in una struttura di rione San Pasquale in via Ponticelli con 35 posti letto.

 

IL SINDACO PEPE: “NESSUNO CI HA AVVISATO” – A margine dell’alluvione c’è la protesta di Fausto Pepe, sindaco di Benevento. “Abbiamo avuto piu’ di 150 millimetri di pioggia in meno di quattro ore – afferma – ben oltre l’allerta arancione ma nessuno ci ha avvertito della piena del fiume Calore”.  “Sono in piedi dalle 2 e mezzo – aggiunge Pepe – e nessuna segnalazione dell’esondazione, che può essere monitorata, è arrivata in Comune. Sono stato io ad avvisare che il fiume era straripato”.

 

DANNI AGLI SCAVI DI POMPEI – Nell’area archeologica di Pompei danni nella Casa di Giulio Polibio a causa delle violente piogge. Si è verificato il rialzo di una porzione di pavimento in cocciopesto. La Domus è da tempo all’attenzione della Soprintendenza che ha condotto più sopralluoghi di monitoraggio, anche congiunti con i vigili del fuoco.

CASERTA – In provincia di Caserta intervento dell’Esercito. La scorsa notte, la Prefettura ha chiesto aiuto ai militari per poter fronteggiare alcune situazioni critiche. Uomini e mezzi delle forze armate entrati in azione a Santa Maria a Vico dove sono stati liberati alcuni tratti della strada statale 7 Appia invasi da detriti fangosi e massi. Allagamenti e smottamenti si segnalano in tutta la provincia. Sotto osservazione il fiume Volturno, il cui livello sta pericolosamente salendo a causa delle piogge.

 

ALLERTA VOLTURNO – La Protezione civile della Regione Campania, a causa dell’innalzamento del livello del fiume Calore, principale affluente del Volturno, sta monitorando il previsto transito dell’onda di piena proprio nel tratto terminale dell’asta principale del fiumeVolturno, in particolare dall’area a monte dell’autostrada A1 Napoli-Roma fino alla foce. La Sala Operativa Regionale sta seguendo l’evoluzione della situazione in stretto raccordo con la Prefettura di Caserta e con i sindaci rivieraschi, già allertati e presenti sul territorio per porre in essere le necessarie eventuali misure preventive a tutela dei cittadini. Sono, inoltre, state sensibilizzate società  Autostrade, Ferrovie dello Stato, la Provincia di Caserta al fine di predisporre le misure necessarie alla messa in sicurezza del territorio e attivare la vigilanza.

 

AVELLINO –  Ad Avellino e provincia danni, allagamenti di strade e abitazioni per le forti piogge. Nel capoluogo, via Francesco Tedesco, via Fonta Tecta e Contrada Cesine sono sommerse da un fiume di acqua e fango. A Pago Valle Lauro una famiglia di cinque persone è stata evacuata dai Vigili del Fuoco intorno alle 5, dopo essere rimasta bloccata ai piani alti di una abitazione allagata. Numerosi gli interventi nel Serinese, a Volturara e a Chiusano San Domenico.

 

STOP AI TRENI – Circolazione dei treni sospesa sulle linee Caserta-Foggia e Benevento-Avellino. Per limitare i disagi ai viaggiatori sono stati attivati servizi sostitutivi con autobus e i passeggeri.  Anche domani la mobilità sarà garantita con autobus sostitutivi.

 

LA REGIONE: “STATO DI CALAMITA'”  – La Regione Campania chiederà lo stato di calamità per Benevento e Caserta, annuncia il governatore Vincenzo De Luca. “Stiamo raccogliendo tutte le informazioni tecniche – spiega- sui dati provocati dall’emergenza maltempo, in contatto costante con le Prefetture di Benevento e Caserta, i territorio più colpiti per i quali chiederemo lo stato di calamità”

 

SCUOLE CHIUSE – Alcune scuole sono rimaste chiuse su disposizione dei sindaci. Accade in provincia di Salerno a Scafati, Sarno, Nocera Inferiore.

 

ANAS AL LAVORO STANOTTE –  Gli uomini di Anas lavoreranno tutta la notte per consentire, entro il pomeriggio di domani, la riapertura dei tratti di strada statale 372 “Telesina”, 90/bis “delle Puglie” e 212 “Fortorina”. La decisione durante la riunione tenutasi nel pomeriggiopresso la Prefettura di Benevento alla presenza  del prefetto Paola Galeone, del sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso de Caro, del sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano, del Capo Compartimento Anas della Viabilità per la Campania, Eugenio Gebbia e dei sindaci dei territori interessati. A causa dello smottamento del fronte montuoso, in un versante particolarmente instabile, resta invece ancora critica la situazione della strada statale 87 “Sannitica”, fortemente compromessa dalla alluvione in corrispondenza del km 83,000, nel tratto compreso tra Torrecuso e Fragneto Monforte.

(Foto Giada Forgione/Sei di Benevento se-Facebook)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest