Assemblea al termine del corteo. I manifestanti chiedono l’utilizzo periodico delle sale per riunire i cittadini

NAPOLI – Occupata ad oltranza la X Municipalità. “adesso parliamo noi delle necessità e dei problemi reali della popolazione. Accorrete per decidere sul vostro futuro”. L’appello dall’assemblea (video) al termine del corteo contro il commissariamento dell’ex area industriale. I manifestanti sono entrati nella sede della Municipalità dopo le tensioni registrate per l’iniziale diniego, mentre davanti agli ingressi c’era un cordone di forze dell’ordine in assetto anti sommossa. I comitati promettono che “ogni giorno sarà una barricata”. E’ in corso una trattativa per ottenere l’utilizzo delle sale comunali periodicamente per riunire tutta la cittadinanza in assemblea. Obiettivo è “decidere noi sui nostri territori, contro il commissariamento e le politiche di macelleria sociale”. Lo slogan gridato durante la riunione è “commissariamento popolare”.

 

USB – Una occupazione per rivendicare la centralità dei processi decisionali di massa e partecipati contro una inaccettabile blindatura delle istituzioni e delle relazioni sociali. Così la Federazione napoletana dell’Unione Sindacale di Base saluta la giornata di lotta territoriale che i comitati, le associazioni e i cittadini di Bagnoli hanno costruito. “La recente nomina – autoritaria ed antidemocratica – da parte del governo Renzi di un Commissario (Nastasi) che, di fatto, spiana la strada – afferma il sindacato – ai potentati economici e finanziari interessati ad una nuova stagione di affarismo, speculazione e devastazione ambientale in tutta l’area flegrea è un atto che deve essere respinto con decisione. L’area occidentale di Napoli – Bagnoli ed i Campi Flegrei – ha bisogno di riqualificazione ambientale, di bonifiche, di lavoro e di forme di reddito generalizzate dopo la pesante manomissione economica ed ambientale che, per decenni, ha ferito e sfigurato questo territorio. Sacrosanta la rabbia  – aggiunge la nota – e la protesta dei cittadini di Bagnoli ma, anche dell’intera area metropolitana partenopea, che, almeno, dal corteo dello scorso hanno svolto in occasione dell’annunciata visita di Renzi a Bagnoli, stanno protestando contro gli scempi che si annunciano”. L’Unione Sindacale di Base sostiene questo movimento sociale e “chiede formalmente all’Amministrazione Comunale di Napoli di essere politicamente conseguente nell’opposizione a questi provvedimenti del governo ed è al fianco degli attivisti e dei comitati impegnati in questa mobilitazione”.

(Foto Laboratorio politico Iskra/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest