Bagnoli, de Magistris invita Renzi a Napoli: “Vieni a discutere il piano elaborato coi cittadini”

Il sindaco chiede al premier di discutere il lavoro approvato dal consiglio comunale dopo consultazione coi comitati

NAPOLI – Siamo per l’immediato inizio della riqualificazione ma non facciamo passi indietro sulla posizione rispetto al commissario e alla cabina di regia. Questa in sintesi la posizione del Comune di Napoli, espressa dal sindaco Luigi de Magistris a margine della seduta odierna – sciolta per mancanza di numero legale – del consiglio comunale. In mattinata, con un comunicato stampa, era giunta la notizia che da Napoli erano partite verso Roma tre missive tutte con un unico oggetto: la riqualificazione della zona Ovest. “”Ho scritto tre lettere distinte, una a Renzi, una a Claudio de Vincenti in quanto sottosegretario del Governo e una a de Luca – ha spiegato il primo cittadino.

Dopo aver ricordato che “la Giunta e il Consiglio comunale di Napoli, come dichiarato in varie occasioni, hanno approvato gli Indirizzi urbanistici per la trasformazione dell’area di Bagnoli-Coroglio.” la nota prosegue sottolineando che ” tali indirizzi sono il frutto del lavoro svolto dall’ Amministrazione che si è formato con l’ascolto della cittadinanza attiva e il mondo dell’associazionismo, attraverso un processo di partecipazione esteso, e con il confronto in Consiglio comunale, conclusosi con l’approvazione di un documento finale. Tale lavoro contiene studi e approfondimenti, che hanno dato vita a ipotesi e scenari progettuali che riguardano l’intera area di Bagnoli-Coroglio interessata dal Piano Urbanistico Attuativo, estendendosi, quindi, secondo una logica organica, anche oltre il perimetro dell’area commissariale.”

Il Sindaco de Magistris, a questo punto del carteggio con il Presidente Renzi, dichiara che “a tal proposito è mia intenzione presentare a Lei e ai Ministri del Suo Governo competenti – così come al Sottosegretario Claudio De Vincenti ed al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a cui ho rivolto analogo invito – il lavoro discusso con l’apporto della Città e approvato in Consiglio comunale. Per la presentazione e per la discussione congiunta, propongo la sede della Municipalità di Bagnoli, che insiste in quel territorio, oppure la Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli o, ancora, in alternativa, la Prefettura quale sede territoriale del Governo.

“La cosa più bella però – ha tenuto a sottolineare – visto che noi amiamo il coinvolgimento dei cittadini sarebbe organizzare l’incontro nella sede della municipalità di Bagnoli. In ogni caso, noi vogliamo entrare finalmente nel merito, il governo faccia presto la bonifica secondo le procedura ordinaria Ogni piano è perfettibile, siamo pronti al dialogo e ad assumerci le nostre responsabilità”.

 

DE VINCENTI: “CABINA DI REGIA E’ LUOGO PER DISCUTERE” – All’invito di de Magistris replica De Vincenti, secondo cui il sindaco dovrebbe “tornare a partecipare alle sedute della Cabina di Regia, fin dalla prossima seduta”.  Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri scrive una lettera all’inquilino di Palazzo San Giacomo: “La Cabina di regia ha il compito, tra l’altro – si legge –  di impartire i necessari indirizzi al Soggetto Attuatore Invitalia SpA del predetto programma. Della Cabina, che si è già riunita più volte, fa parte a norma di legge il Comune di Napoli che, mediante la partecipazione dell’Assessore all’uopo delegato, ha già fornito nelle sedute del 1 e del 21 dicembre le proprie valutazioni. A sua volta, Invitalia SpA ha – prosegue De Vincenti – formalmente richiesto, il 20 gennaio u.s., secondo le modalità ed i termini stabiliti dal Commissario di Governo, le proposte del Comune di Napoli in merito al programma per l’area di Bagnoli-Coroglio”. “Pertanto – conclude il Presidente della Cabina di Regia – nello spirito di una piena e leale collaborazione e nel rispetto del chiaro dettato normativo, La invito a tornare a partecipare alle sedute della Cabina di regia, di cui fanno parte – per l’appunto – i Ministri competenti, il Presidente della Regione Campania e il Commissario di Governo; in particolare, fin dalla prossima seduta convocata il 10 febbraio 2016 a Palazzo Chigi, ove potranno essere esaminate tutte le proposte del Comune di Napoli in merito al programma”.

Barbara Tafuri


(Foto centrodemocratico.it)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest