Vincenzo Schiavo: una grande occasione per una fusione tra il capoluogo partenopeo e la federazione russa con la possibilità di una serie di interscambi di natura economica, culturale, turistica

NAPOLI – L’indirizzo è via Partenope 1. Qui, questa mattina, è stato tagliato il nastro della sede del Consolato della Federazione Russa a Napoli con la benedizione dell’Archimandrita della Chiesa Ortodossa, Antonij Sevrjuk (vicario generale del Patriarcato di Mosca in Italia) . Prima della cerimonia, però, a palazzo San Giacomo le istituzioni della regione Campania hanno incontrato quelle della Federazione Russa nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato Sua Eccellenza l’Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Federazione Russa in Italia Sergey Razov, il sindaco Luigi de Magistris, Vincenzo Schiavo Console Onorario della Federazione Russa in Napoli con Circoscrizione della Regione Campania e il Prefetto di Napoli Gerarda Maria Pantalone.

“Il Consolato – ha dichiarato Vincenzo Schiavo – da oggi rappresenta il principale punto di riferimento dei quasi 170.000 turisti oltre che i 4000 residenti russi in Campania e rappresenta un passo in avanti nella direzione dello sviluppo economico e culturale del nostro territorio. Il consolato si propone come una mano tesa ai cittadini russi residenti in Campania, per i migliaia di turisti che apprezzano enormemente la nostra terra e per le imprese campane che intendono provare a fare business in Russia. Abbiamo eccellenze, imprese pronte ad investire, abbiamo anche a disposizione un aeroporto che fa voli diretti quotidiani per la Russia. Il turista russo è quello che lascia sul nostro territorio in media più soldi di tutti gli altri viaggiatori stranieri: circa 170 al giorno e mediamente restano in Campania per almeno 4 giorni. L’apertura del Consolato è un’opportunità, una grande occasione per una fusione tra il capoluogo partenopeo e la federazione russa con la possibilità di una serie di interscambi di natura economica, culturale, turistica”.

(foto: Ufficio stampa Comune di Napoli)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest