Adisurc, Di Marzio nuovo presidente

L’avvocato napoletano indicato dalla Regione al vertice dell’ente per il diritto allo studio universitario

Palazzo Santa Lucia ha indicato l’avvocato Emilio Di Marzio quale presidente dell’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario della Regione Campania (Adisurc). “Si tratta – commenta il prescelto – dell’ente nato dalla fusione delle storiche sette Adisu e che governa su scala regionale i servizi agli studenti, le borse di studio, le mense, gli alloggi e gli studentati. Un lavoro importante in stretta connessione con il Comitato di Coordinamento delle Università Campane che a sua volta ha designato due accademici eminenti ed ha espresso gradimento sul mio nome”. Di Marzio, ex consigliere comunale Pd a Napoli, è vice presidente del Teatro Stabile napoletano, e da alcuni giorni è nel comitato scientifico della Reggia di Caserta. Al vertice dell’Adisurc succede a Domenico Apicella, docente dell’università di Salerno. “Sento di ringraziare ancora una volta pubblicamente – afferma Di Marzio – il presidente De Luca. Gli studenti, la qualità dei servizi loro offerti saranno il cuore del nostro impegno. Già da alcuni anni la Regione Campania, unica regione in Italia per intuizione di De Luca, finanzia il trasporto gratuito degli studenti universitari e sono certo che anche gli altri fondamentali servizi potranno essere ulteriormente valorizzati col contributo di tutti e dell’azienda di cui saluto grato la governance uscente e in primis il professore Apicella. Quello che so di certo è che, soprattutto per chi non è nato figlio delle elites, studiare è una leva di emancipazione culturale e sociale. Per questo nella mia vita ho sempre tenuto a mente l’art. 34 della Costituzione, uno dei più preziosi: ‘I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi’. Confido di ricordarlo anche nell’alto impegno cui oggi sono chiamato”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest