Accertamenti della finanza dopo le dichiarazioni di Sommese

Effettuate 14 perquisizioni nei confronti di persone coinvolte nella vicenda

Sono stati svolti accertamenti sulle dichiarazioni auto ed etero accusatorie di uno dei principali indagati, Antonio Sommese, nipote dell’ex assessore regionale e attuale consigliere regionale Pasquale Sommese. A svolgere questi controlli su quanto dichiarato spontaneamente da Sommese, rendendo così un contributo alla giustizia, sono stati gli uomini della Guardia di Finanza. Nel corso degli accertamenti sono state riscontrate gravi anomalie anche nella fase di esecuzione dei lavori di restauro della Torre Civica Medievale di Cerreto Sannita. E’ stato posto sotto la lente di ingrandimento anche il conferimento di incarico di “controllo e assistenza tecnico-scientifica agli scavi” ad opera del responsabile dell’Ufficio tecnico Lavori pubblici del Comune nei confronti di un archeologo, in violazione dei principi di buon andamento e di imparzialità della pubblica amministrazione. La Guardia di Finanza di Napoli, contemporaneamente all’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, ha inoltre eseguito 14 perquisizioni delegate dall’autorità giudiziaria nei confronti di tutti i “nuovi” soggetti coinvolti, a vario titolo, nella vicenda.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest