Trovato relitto del volo Parigi-Cairo: pista terrorismo, mistero “palla di fuoco” in cielo – Video

Non ci sono italiani.  Era partito dall’aeroporto Charles de Gaulle alle 23:09 di ieri ed è scomparso dai radar alle 2:45. I rottami al largo dell’isola greca di Karpathos. Le ipotesi: bomba o kamikaze, ma non si esclude un guasto

E’stato individuato al largo dell’isola greca di Karpathos, in acque territoriali egiziane, il relitto dell’aereo di Egyptair, un Airbus A320-232, scomparso dai radar questa notte mentre era in volo fra Parigi e Il Cairo . In questa zona il capitano di un mercantile aveva detto di avere visto fiamme nel cielo questa notte a circa 240 chilometri a sud dell’isola. Della “palla di fuoco” esiste anche un video. Le prime piste puntano sull’attentato terrorista: kamikaze o bomba all’interno del velivolo.

 

LA SCOMPARSA ALLA 2:45 – E’ scomparso dai radar un aereo della Egyptair in volo da Parigi al Cairo. Probabilmente è caduto in mare. A rivelarlo un portavoce dell’Aviazione civile egiziana, Ihab Raslan. A bordo c’erano 56 passeggeri – tra cui un bambino e due neonati -, tre addetti alla sicurezza e sette membri dell’equipaggio. Alle 2.26, poco prima di sparire, l’aereo ha lanciato un messaggio di Sos. Fonti della compagnia aerea affermano che un segnale di emergenza è stato invece captato alle 4.26: potrebbe essere stato inviato dall’apparecchiatura per la localizzazione dell’aereo installata sull’aeromobile. Ma il primo ministro Sherif Ismail ha smentito la notizia, affermando che “non vi è alcuna informazione” sull’accaduto.

Non ci sono italiani coinvolti. La maggioranza dei passeggeri sono egiziani (30), oltre a 15 francesi, un britannico, un belga, due iracheni, un kuwaitiano, un saudita, un sudanese, un portoghese, un algerino, un canadese e un cittadino del Ciad.

Il volo MS804 era partito dall’aeroporto Charles de Gaulle alle 23:09 di ieri ed è scomparso dai radar alle 2:45, appena entrato nello spazio aereo egiziano.

 

 

FRANCIA ED EGITTO: “NON SI ESCLUDE TERRORISMO” – Poche sillabe per un’ipotesi. Per il premier egiziano Sherif Ismail “non si può escludere” alcuna possibilità sulle cause della scomparsa dell’aereo dell’Egypt Air, compreso l’attacco terroristico. Dal canto suo il premier francese Manuel Valls sostiene che “tutte le ipotesi sotto esame”. Il presidente François Hollande ha parlato con il suo omologo egiziano Abdel Fattah al-Sisi e ha convocato all’Eliseo una riunione interministeriale di crisi.

 

 

MINISTRO GRECO: “BRUSCHE VIRATE E LA CADUTA” – Brusche virate a mezz’aria e poi la caduta in picchiata, prima di scomparire dai radar. Questa l’ultima traiettoria dell’aereo, descritta dall ministro della Difesa greco, Panos Kammenos, in una conferenza stampa ad Atene. “Alle 3.39  – spiega – la rotta del velivolo era a sud, sud-est delle isole Kassos e Karpathos. Immediatamente dopo essere entrato nello spazio aereo egiziano ha virato e ha cominciato a precipitare. La virata era di 90 gradi a sinistra e 360 gradi a destra”. L’aereo sarebbe precipitato da 37mila piedi a 15mila.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest