Torre del Greco, monumento per i quattro ragazzi vittime del ponte crollato

In centinaia alla fiaccolata organizzata dagli amici e dai familiari

A Torre del Greco sarà costruito un monumento in ricordo delle giovani vittime del ponte crollato di Genova. L’iniziativa è stata promossa dal sindaco, Giovanni Palomba. “Un monumento cimiteriale che in parte ricordi nella forma il ponte di Genova, posto in una parte centrale del nostro camposanto. Sarà utile a ricordare negli anni a tutti questa tragedia e a tenere viva la memoria di questi nostri giovani martiri” – sottolinea il primo cittadino torrese  che ha illustrato lo schizzetto del monumento che nei prossimi mesi sarà realizzato nel camposanto cittadino. Così sarà onorata la memoria di Giovanni Battiloro, Matteo Bertonati, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione, i quattro giovani amici deceduti nel crollo del ponte nel capoluogo ligure mentre stavano andando in vacanza in Spagna: “Siamo al lavoro con i tecnici del Comune – prosegue il primo cittadino – per mettere a punto tutti gli aspetti tecnici e garantire al progetto la giusta copertura finanziaria. Non solo, l’ente ricorderà, grazie alla collaborazione con la presidenza del consiglio comunale, i quattro amici con l’istituzione di borse di studio a loro dedicate”. Palomba ha partecipato alla fiaccolata indetta questa sera e che sta attraversando diverse strade di Torre del Greco: ”Un modo – ha concluso – per continuare ad essere vicino ai genitori dei ragazzi e per far sì che resti sempre viva in tutti noi la memoria di Antonio, Matteo, Gerardo e Antonio’.

La fiaccolata – “Meglio perdersi viaggiando che non partire mai”: questo lo striscione che ha aperto  la fiaccolata organizzata  a Torre del Greco  per ricordare le quattro vittime del crollo del ponte a Genova. In centinaia hanno aderito all’iniziativa promossa da amici e familiari dei quattro ragazzi di età compresa tra i 26 ed i 29 anni. I familiari delle quattro vittime hanno preferito non rilasciare dichiarazioni. A parlare l’avvocato dei genitori di Battiloro e Bertonati: “La settimana prossima sarò nuovamente a Genova, per ora il fascicolo aperto dalla procura resta contro ignoti. Occorre comprendere tante sfaccettature di questa vicenda a cominciare dalla situazione legata al segreto di Stato su un appalto pubblico come quello della concessione fatta a sua tempo a società Autostrade”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest