Il forzista accusato di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti. Arrestati un suo collaboratore e un ingegnere  del Provveditorato alle opere pubbliche. Indagato Garavaglia, assessore leghista all’Economia

MADDALONI – Le accuse sono di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti, nell’ambito di un’indagine della Procura di Milano. Tornano le manette alla Regione Lombardia: il vicepresidente della giunta ed ex assessore alla Sanità, Mario Mantovani, è stato arrestato. Nell’ambito della stessa inchiesta è indagato per turbativa d’asta anche l’assessore all’Economia Massimo Garavaglia, ex parlamentare della Lega. Eseguita ordinanza di custodia cautelare anche per Giacomo Di Capua, collaboratore di Mantovani, e Angelo Bianchi, ingegnere del Provveditorato alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria.

 

L’INDAGINE – A Mantovani si contesta la turbativa d’asta perché avrebbe contribuito a pilotare gare relative tal trasporto di pazienti dializzati, all’edilizia scolastica e alle case di riposo.

 

GIORNATA DELLA TRASPARENZA – Mantovani era atteso stamattina a Palazzo Lombardia per aprire i lavori della Giornata della Trasparenza, organizzata da Giunta e Consiglio regionale. All’iniziativa era previsto un intervento del governatore Maroni, che ha rinunciato.

(Foto Mario Mantovani/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest