Sergio D’Angelo, Abc: “Assumeremo i lavoratori Net Service senza tenere conto del Jobs Act”

 L’azienda idrica speciale continuerà a rispettare le normative dello Statuto dei Lavoratori, il piano di Internalizzazione prevede un risparmio di oltre 1 milione e mezzo all’anno

Il prossimo 28 Dicembre Abc, l’azienda idrica speciale del Comune di Napoli procederà formalmente all’assunzione dei 90 lavoratori e lavoratrici  Net Service. Novità nelle ultime ore.  Modificato il verbale di conciliazione che sarà proposto ai lavoratori. La modifica è confermata a Il Desk da Sergio D’Angelo, commissario straordinario di Abc. “Nel verbale di conciliazione che sarà sottoscritto da ogni lavoratore inseriremo una specifica clausola con la quale ci impegniamo a non tenere conto della Legge n. 183 del 10 dicembre 2014, il cosiddetto Jobs Act. I lavoratori provenienti dalla Net Service saranno tutelati integralmente dalla legge 300 del 1970, ovvero dalle normative dello Statuto dei lavoratori – dichiara D’Angelo – Abc intende dimostrare con i fatti la responsabilità etica e sociale aziendale. I diritti collettivi non sono optional”.  Resta da chiarire la questione dei giudizi pendenti presso il Tribunale del Lavoro per essere stati utilizzati come “distaccati” per mesi presso Abc,  una sorta di interposizione di manodopera. Oltre alla rinuncia dei giudizi pendenti, i lavoratori si assumerebbero addirittura la responsabilità di pagare le spese e i compensi al proprio avvocato di fiducia

il piano di internalizzazione in Abc delle attività di manutenzione  finora svolte da Net Service prevede un risparmio di oltre 1 milione e mezzo all’anno per l’azienda idrica speciale.

                                                                                                                 Ciro Crescentini

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest