Proteste quando il leader Pd parla della riforma della scuola. “Sono pronto a incontrare chiunque ma non mollo”

BOLOGNA – Fuori gli scontri tra polizia da una parte, precari e centri sociali dall’altra. Dentro le proteste quando il premier si vanta dell’epocale riforma della scuola. Matteo Renzi si becca fischi e contestazioni anche alla Festa dell’Unità. “So  – replica il leader del Pd – che ci sono persone che mi vogliono contestare sulla scuola e sono pronto a incontrare chiunque, ma libertà è rispondere con un sorriso a chi contesta e dire che non ci facciamo certo spaventare da tre fischi: abbiamo il compito di cambiare l’Italia e la cambieremo, di non mollare e non molleremo”. E all’esterno anche la celere non molla, e carica i manifestanti. Volano manganellate e ci sono feriti. Alla fine Renzi incontra i contestatori.

(Foto da Twitter)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest