Piano di prevenzione antisismica, appello pubblico per un rapido avvio

Tra i firmatari docenti universitari, esperti della manutenzione, esponenti di associazioni ed organismi culturali del settore

Docenti universitari, esperti della manutenzione antisismica, esponenti di associazioni ed organismi culturali del settore hanno deciso di lanciare un appello a tutti i partiti politici per il varo in tempi brevi di Piano di Manutenzione e Prevenzione Antisismica in modo da avviare una concreta e consistente riduzione del rischio sismico degli edifici italiani. I firmatari dell’appello sono convinti che, se un tale Piano non venisse attuato, il nostro Paese continuerà a piangere migliaia di morti e a spendere miliardi di euro per le ricostruzioni dopo gli eventi sismici, che immancabilmente si verificheranno nei prossimi anni. A causa degli eventi sismici, in Italia negli ultimi 116 anni e con cadenza inferiore al decennio, sono stati registrati complessivamente circa 150 mila morti e 300 mila feriti con una spesa di oltre 300 miliardi di euro per le ricostruzioni. “In Italia si procede con l’emergenza in tanti settori spesso solo per evitare l’applicazione delle leggi, che normalmente sono le più rigorose in Europa e forse nel Mondo. In una tale situazione si danno messaggi negativi alla società civile, che spesso, nelle sue frange senza scrupoli, reagisce commettendo reati gravissimi, che spesso vengono alla luce solo dopo i disastri” – sostengono gli esperti – Il “Piano Nazionale di Manutenzione e Prevenzione Antisismica” va affidato al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, che collaborerà con gli Enti territoriali, con la continua assistenza e consulenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, che dovrà essere dotato di una Sezione dedicata all’argomento. Il Piano va finanziato con un programma di investimenti a lungo termine, almeno ventennale, nella profonda convinzione che questi saranno finanziati dai risparmi sulle spese delle ricostruzioni dopo i terremoti del futuro”.

 

 

I FIRMATARI DELL’APPELLO – Ecco i nomi dei primi Firmatari: Prof. Ing. Aurelio Misiti, Presidente del Comitato Nazionale Italiano per la Manutenzione; già Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
Dott. Ing. Marcello Mauro, già Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
Prof. Ing. Franco Braga, Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Sapienza Roma
Prof. Ing. Lugi Materazzi, Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di Perugia
Dott. Ing. Paolo Cannavò, Vice Presidente FECC, Federazione Europea dei Manager delle Costruzioni
Prof. Arch. Manlio Vendittelli, Ordinario di Urbanistica, Sapienza Roma
Prof. Arch. Rosario Pavia, ordinario di Urbanistica, Università Chieti e Pescara
Prof. Ing. Remo Calzona, Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Sapienza Roma
Prof.ssa Maria Rosaria Boni, Ordinario di Ingegneria Sanitaria Ambientale, Sapienza Roma
Prof. Dott. Alberto Prestininzi, Ordinario di Geologia Applicata, Sapienza Roma
Dott. Ing. Francesco Pittoni, Vice Presidente del Comitato Nazionale Italiano per la Manutenzione
Dott. Angelo Artale, Segretario Generale della Federazione Industrie per le Costruzioni
Prof. Ing. Enzo Siviero, Rettore dell’Università E. Campus.
Geom. Adriano Biraghi, Vice Presidente del Comitato Nazionale Italiano per la Manutenzione
Dott. Giorgio Germani, Presidente dell’Associazione Nazionale Quadri della Pubblica Amministrazione
Prof. Dott. Gianni Mattioli, Fisico, Sapienza Roma.
Prof. Arch. Ottavio Amaro, Associato in Progettazione Architettonica e Urbana, Prorettore delegato alla programmazione edilizia, Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria
Prof. Arch. Massimo Lauria, Associato di Tecnologia dell’Architettura, Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria
Prof. Dott. Romano Benini, Link Campus University di Roma
Prof. Pier Paolo Balbo di Vinadio, Professore Ordinario di Architettura del Paesaggio e Urbanistica, Sapienza Roma
Dott. Arch. Giuseppe Rizzuto, Segretario Coordinatore di ITACA – Associazione Federale delle Regioni e delle Province Autonome
Dott. Arch. Luca Zevi, Architetto e Urbanista
Prof. Ing. Francesco Gallerano, Ordinario di Idraulica, Sapienza Roma
Prof. Ing. Roberto Di Marco, Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, IUAV Venezia
Prof. Ing. Ezio Giuriani, Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di Brescia

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest