Napoli, simulavano l’inoculazione dei vaccini per  150 euro: arrestati due operatori sanitari

I due lavoratori sono accusati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, peculato e falso in atto pubblico

Blitz dei carabinieri a Napoli. Arrestato un infermiere e un operatore socio sanitario per la falsificazione della somministrazione di vaccini anti-Covid in un Hub partenopeo.

Uno dei due lavoratori reclutava i non vaccinati e si faceva consegnare 150 euro attivando le procedure utili per ottenere il Super Green pass, l’altro invece simulava l’inoculazione spruzzando il siero in un batuffolo di cotone. Sarebbero oltre trenta le persone che avrebbero usufruito dei falsi vaccini. I due operatori sanitari, Giuliano Di Girolamo e Rosario Cirillo, sono accusati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, peculato e falso in atto pubblico. In seguito alla falsa attestazione di avvenuta vaccinazione, i pazienti avrebbero ottenuto, pur non avendo titolo, il Green pass. 

Le indagini dei carabinieri del Nas di Napoli hanno evidenziato che fra coloro ai quali sarebbe stato falsamente inoculato il vaccino, 14 risultano appartenere a categorie di lavoratori per le quali è previsto l’obbligo di vaccinazione per ottenere il rilascio della certificazione verde e proseguire nello svolgimento delle rispettive mansioni.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest