Napoli: maxi sequestro di 14mila litri di carburante contraffatto

Sigilli ad un impianto di rifornimento. Due persone denunciate

Nuova operazione della Guardia di Finanza di Napoli che si è conclusa con il sequestro di 14mila litri di carburante. L’operazione rientra nel quadro della costante attività effettuata dagli uomini delle fiamme gialle per contrastare i fenomeni illeciti nel settore del contrabbando di prodotti energetici sottoposti ad accisa. I controlli dei finanzieri, vengono messi in atto per tutelare gli interessi dell’erario nonchè a preservare il corretto e libero funzionamento delle regole di mercato. Proprio con questo scopo, il costante lavoro del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, e degli uomini del Primo Gruppo Napoli, ha portato al sequestro di un intero impianto di rifornimento, di un’autocisterna e di oltre 14mila litri di carburante per uso autotrazione che sarebbe stato commercializzato in frode. Le fiamme gialle durante i loro controlli sul territorio cittadino hanno notato nei giorni scorsi la presenza, in un impianto di rifornimento, di un autocisterna intenta a scaricare del prodotto combustibile all’interno dei serbatoi interrati. Insospettiti dal comportamento dei soggetti presenti all’interno dell’area dell’impianto, i finanzieri hanno effettuato un controllo sul prodotto che l’autocisterna trasportava e hanno scoperto che il carburante risultava non avere nessun tipo di documento di accompagnamento. A questo punto scattano i sigilli all’autocisterna e il sequestro dell’intera stazione di rifornimento, oltre che del carburante illegale. Identificati e denunciati alla locale autorità giudiziaria, invece il conducente dell’autocisterna e il titolare dell’impianto sono stati denunciati alla locale autorità giudiziari con l’accusa di contrabbando di prodotti sottoposti ad accise. Sono per ancora in corso altri accertamenti fiscali volti a quantificare le imposte evase dal titolare dell’impianto di rifornimento e le relative anali sul carburante contraffatto nella speranza di riuscire a risalire alla provenienza di questo.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest