Napoli,  200 autoferrotranvieri contestano il sindaco: “Fa il trenino e lascia a piedi i cittadini”

I lavoratori del Ctp non percepiscono gli stipendi, il sindacato sollecita un serio piano industriale

Circa duecento dipendenti del Ctp, l’azienda pubblica di trasporto, hanno presidiato a Napoli la sede della Città Metropolitana, l’ente proprietario. L’iniziativa di lotta è stata promossa per i ritardi nell’erogazione degli stipendi di agosto e settembre.  Contestato duramente il sindaco di Città Metropolitana, Luigi de Magistris. Esposto uno striscione con una scritta molto significativa: “il sindaco Giggino fa il trenino e lascia a piedi il cittadino”. L’azione di lotta ha prodotto un primo risultato. E’ stato sottoscritto un  verbale dai rappresentanti di Città Metropolitana, di vertici di Ctp e dalle organizzazioni sindacali che sancisce il pagamento delle retribuzioni di agosto il prossimo 24 settembre e quelle di settembre entro il 5 ottobre.
Sulla vertenza è intervenuto il segretario generale della Fit Cisl Campania, Alfonso Langella:  “Abbiamo chiesto alla proprietà il pagamento degli stipendi arretrati e prendiamo atto dell’impegno in tal senso, ma abbiamo sollecitato anche la presentazione di un piano industriale serio e l’impegno concreto da parte del sindaco Luigi de Magistris al fine di evitare che si crei di nuovo questa situazione finanziaria che mette poi a rischio la tenuta del trasporto pubblico a Napoli e provincia” 
Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest