In Italia 1.342 Comuni al voto, sono elezioni amministrative dal significato politico

Si scelgono gli amministratori nelle grandi città: Roma, Milano, Napoli e Torino. In totale alle urne è chiamato oltre il 25% degli iscritti alle liste elettorali nazionali

Sono elezioni amministrative, ma il risvolto politico è inevitabile. Al voto vanno 1.342 Comuni italiani, di cui 25 capoluoghi di provincia, 7 di regione, per un totale di 13.301.765 cittadini chiamati alle urne. Sono oltre il 25% del totale degli iscritti alle liste elettorali nazionali, per un test da cui tutte le forze politiche dovranno trarre indicazioni.   Le elezioni riguarderanno le regioni a statuto ordinario (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto) e Friuli-Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia. Hanno già votato, invece,  le altre due regioni a statuto speciale: il Trentino Alto-Adige l’8 maggio e la Valle d’Aosta il 15 maggio (con un solo Comune al voto). Dei 1.342 comuni interessati dal turno elettorale 1.175 sono appartenenti a regioni a statuto ordinario. Complessivamente si tratta del 17% dei comuni presenti sul territorio, che sono 7.999. Tra i comuni con i seggi aperti, 149 hanno una popolazione superiore a 15 mila abitanti, mentre 1.193 sono sotto la soglia. Inoltre si vota in 26 nuovi comuni istituiti nel 2016 mediante fusioni amministrative di territorio. Nel corso di quest’anno sono state 29 le fusioni di comuni stabilite da leggi regionali, di cui due per incorporazione, per un totale di 75 comuni soppressi. In totale le sezioni elettorali son 15.886.

 

AL VOTO LE GRANDI CITTA’ – La valenza politica del voto è data anche dalle gran di città coinvolte: Roma, Milano, Napoli e Torino, ma anche capoluoghi di regione come Bologna, Trieste e Cagliari. Nella Capitale sono 2.358.551 gli elettori chiamati alle urne, a Milano 999.541, a Napoli 787.390, a Torino, infine, 694.908, in totale 4.840.390 connazionali, pari ad una percentuale di oltre il 9.5% del totale del corpo elettorale italiano. Il Comune più piccolo alle elezioni è Morterone (in provincia di Lecco), che conta soltanto 38 abitanti al 31 dicembre 2014, data dell’ultimo bilancio demografico annuale Istat.

 

(Foto Sergio Siano)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest