Il maltempo si abbatte sul Centro Italia, tromba d’aria fa due morti nel Lazio

Un uomo schiacciato dal crollo di un cornicione a Ladispoli, un altro dalla caduta di un albero a Cesano. Disagi e allagamenti anche a Roma

Disagi e anche vittime per il maltempo nel centro Italia: l’Arno è in piena e vicino a Roma due persone sono morte, dopo una tromba d’aria. Il maltempo i è asbbattuto improvviso sull’Italia con piogge intense e neve al nord. Due uomini sono rimasti uccisi a causa di una tromba d’aria in due cittadine ad una quarantina di chilometri dalla Capitale. A Ladispoli, sulla costa laziale, una palazzina è stata letteralmente sventrata dal maltempo. Un uomo, Singh Surinder, indiano di 47 anni, è rimasto schiacciato da un frammento di cornicione staccatosi da una chiesa. Ferito anche un passante. A Cesano Fernando F., 64 anni, sottufficiale dell’esercito in pensione, è rimasto ucciso dalla caduta di un alberos. A Ladispoli ci sono stati disagi anche alla stazione ferroviaria. Danneggiata la caserma dei carabinieri.

A Cerveteri, sempre sul litorale laziale, il forte vento ha infranto la vetrata di un ristorante e due persone sono rimaste lievemente ferite e trasportate dal 118 in ospedale. A Roma si sono registrati allagamenti, alberi caduti e molte chiamate di soccorso ai vigili del fuoco. In diverse zone sono stati segnalati allagamenti e alberi caduti a causa del vento come sul lungotevere all’altezza di ponte Mazzini. Secondo quanto riferito dai vigili allagamenti sulla via Laurentina e sulla via Cristoforo Colombo e via Marmorata. Chiusa inoltre la via Ostiense, verso Piramide, nella corsia centrale. Allagamenti anche tra Portonaccio e la Tangenziale est e davanti alla Fao a piazza di Porta Capena.

 

 

A FIRENZE L’ARNO A 4 METRI D’ALTEZZA – A Firenze, agli Uffizi, l’Arno alle 15,30 ha raggiunto quasi quattro metri di altezza superando così la prima soglia (tre metri). E’ stata invece superata la seconda soglia (5.50 metri) in località Nave a Rovezzano, dove da un’ora l’altezza dell’acqua ha raggiunto 5.65 metri. In seguito alle abbondanti piogge, a Firenze l’Arno è arrivato al livello della porta della società dei canottieri vicino al ponte Vecchio.

Ad Arezzo è crollato un ponte sul torrente Gavardello, in seguito alle forti piogge cadute nella notte, e cinque famiglie sono rimaste isolate. Il ponte non ha retto all’impatto con la piena intorno alle 8 ed è sprofondato nelle acque vorticose.

 

MARCHE, DANNEGGIATA STRUTTURA SCOLASTICA PER TERREMOTATI –  Il maltempo si abbatte anche sulle Marche, già provate dal sisma. Le forti raffiche di vento hanno danneggiato la tensostruttura adibita a scuola dell’infanzia ad Arli di Acquasanta Terme (Ascoli Piceno), uno dei comuni del terremoto. ‘Una parte della copertura è saltata. Lezioni sospese da domani.

(Foto Claudio Ronchetti/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest