Congresso Pd, flop in Campania: voto al 13%

Il dato parziale delle votazioni nei circoli, dove fino al 27 gennaio si svolgono le convenzioni per selezionare i 3 candidati finali alla segreteria. In testa Zingaretti (48,5%) staccati Martina (35,1%) e Giachetti (12,8%)

In Campania, come attestavano le Politiche, il Pd è dissolto. Lo conferma il dato parziale del congresso, che vede in corso le convenzioni, un voto riservato agli iscritti. Si tratta della modalità per scremare i 3 candidati finali, quelli che il 3 marzo si sfidano per la segreteria nazionale (in Campania si vota anche per la segreteria regionale). Nella Regione dove governa Vincenzo De Luca, i circoli registrano una percentuale di votanti inferiore al 13%. Solo la Sicilia ne ha una più bassa. “Come stabilito all’unanimità dalla Commissione Nazionale – afferma Gianni Dal Moro, presidente della Commissione Nazionale per il Congresso del Pd-, gli uffici del organizzazione del partito hanno fatto la fotografia dei risultati pervenuti dalle Commissioni provinciali entro le ore 18 di lunedì 21 gennaio, riferiti al voto nei Circoli fino a domenica 20 gennaio. Gli iscritti interessati al voto sono stati pari al 46.5% della platea congressuale. L’affluenza sulla platea degli aventi diritto è stata del 51.05% pari a 93.000 votanti”. La commissione, “vista la difficoltà manifestata da diversi circoli a terminare la propria fase di convenzione, ha deciso all’unanimità di prorogare la votazione nei circoli fino a domenica 27 gennaio”.  I risultati parziali di ogni candidato, nell’ordine, sono: Zingaretti 48,5%, Martina 35,1%, Giachetti 12,8%, Boccia 2.3%, Saladino 0,67%, Corallo 0,63%. Questa l’affluenza al voto nelle regioni, fino alle 18 di lunedì 21 gennaio: Valle d’Aosta 29.75%, Piemonte 68.29%, Liguria 64.10%, Lombardia 82.37%, Veneto 45.87%, Friuli V.G. 74.39%, Trentino 24.41%, Alto Adige 73.08%, Emilia Romagna 61.28%, Toscana 82.38%, Marche 59.32%, Umbria 23.40%, Lazio 87.79%, Molise 24.47%, Abruzzo 29.75%, Campania 12.87%, Puglia 17.78%, Basilicata 42.15%, Calabria 24.29%, Sardegna 14.83%, Sicilia 7.43%.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest