Attacchi jihadisti in Burkina Faso, bambino italiano potrebbe essere tra vittime

Nota della Farnesina sulla strage di venerdì: “Il figlio minore di circa nove anni del titolare italiano del ristorante Cappuccino, Gaetano Santomenna, era all’interno del locale al momento dell’assalto insieme alla madre”

ROMA – “Le informazioni acquisite hanno consentito di confermare che il figlio minore di circa nove anni del titolare italiano del ristorante Cappuccino, signor Gaetano Santomenna, si trovasse all’interno del locale al momento dell’assalto insieme a sua madre, cittadina straniera”. Con una nota la Farnesina informa che un bambino italiano di 9 anni potrebbe essere tra le vittime dell’attacco jihadista di venerdì a Ouagadougou, in Burkina Faso. Il ministero degli esteri fa sapere anche che le operazioni di riconoscimento dei corpi sono ancora in corso da parte delle autorità locali e potrebbero durare a lungo. Appare tuttavia certo che il bambino, insieme alla mamma, fosse nel locale al momento dell’attacco qaedista.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest