Affari, appalti e faccendieri: arrestato il presidente del consiglio comunale di Roma

L’indagine ha fatto luce su una serie di operazioni corruttive realizzate da imprenditori attraverso l’intermediazione di un avvocato ed un uomo d’affari per la realizzazione di importanti progetti immobiliari

Il presidente dell’Assemblea capitolina, Marcello De Vito, esponente del M5s, e’ stato arrestato questa mattina all’alba dai carabinieri con l’accusa di corruzione. Insieme a lui è finito in carcere, con la stessa accusa, anche l’avvocato Camillo Mezzacapo, vicino al M5S ritenuto complice di De Vito nell’attività corruttiva. Disposti gli arresti domiciliari per l’architetto Fortunato Pititto, legato al gruppo imprenditoriale della famiglia Statuto, e l’imprenditore Gianluca Bardelli. Il Gip nell’ ordinanza accusa De Vito di aver preso soldi e alte utilità anche dal gruppo Toti e dal gruppo Statuto sempre per favorire alcuni progetti a Roma. La misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Roma coinvolge 4 persone (per De Vito e Mezzacapo e’ stata disposta la custodia cautelare in carcere e per i restanti due gli arresti domiciliari) e una misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale nei confronti di due imprenditori. L’indagine convenzionalmente denominata ‘Congiunzione astrale’, coordinata dalla Procura della Repubblica capitolina, si focalizza su un gruppo di persone dedite, in concorso tra loro, al compimento di condotte corruttive e di traffico di influenze illecite, nell’ambito delle procedure connesse con la realizzazione del nuovo stadio della Roma calcio, la costruzione di un albergo presso la ex stazione ferroviaria di Roma Trastevere e la riqualificazione dell’area degli ex Mercati generali di Roma Ostiense.

BOOM DI VOTI PER DE VITO – Marcello De Vito, con 6 mila 541 preferenze, nel 2016 è stato il consigliere del M5S più votato. Si era anche candidato alle “Comunarie” per correre da sindaco ma venne silurato dagli stessi militanti del Movimento perché sospettato di aver trafficato su una licenza edilizia. L’accusa si rivelò poi falsa.

COMMENTI SULL’ARRESTO DI DE VITO – “Gravissime le accuse che hanno portato all’arresto di Marcello De Vito. Ripongo la massima fiducia nel lavoro della magistratura con l’auspicio che si faccia chiarezza al più presto su questa inquietante vicenda. L’onestà deve essere sempre la nostra stella polare”. E’ il tweet di Roberta Lombardi, capogruppo M5S in Regione Lazio. Il presidente della commissione Trasparenza e consigliere del Pd Marco Palumbo  interpellato in merito all’arresto ha dichiarato:  “Noi siamo garantisti, sempre. La magistratura farà piena luce sulla vicenda ma quello che preoccupa davvero di tutta questa vicenda, come delle precedenti, sono le conseguenze sulla città di Roma che già è in grave difficoltà”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest