Layla, la Napoli esoterica di Massimo Piccolo

Domani la presentazione del romanzo firmato dallo scrittore e regista

Approfittando delle atmosfere suggestive del luogo, attraverso le vicende legate alla giovane protagonista del libro, ci si addentrerà, a partire dalle 19,30, in un viaggio lungo venticinque secoli, alla scoperta di misteri della città che nessuno ha mai avuto il coraggio di raccontare.

A Napoli nel locale/salottino di Via Chiatamone 6F, lo “Spirits Speakeasy”, sarà presentato domani, martedì 17 dicembre, dall’Associazione Luna Di Seta, il romanzo “Layla” dello scrittore e regista Massimo Piccolo, edito da Cuzzolin.

La magia nera e la scoperta del culto, probabilmente, più antico e segreto di Napoli, con testimonianze velate anche nel Duomo di San Gennaro, saranno protagoniste assolute della serata. Ad accompagnare nel viaggio, la musica del Dj Claudio Espositi in arte Dj Boof.

In una Napoli reale e contemporanea, cinque ragazzi stanno per vivere quello che sarà l’anno più incredibile e agghiacciante della loro intera esistenza. Nel normale scorrere delle giornate di giovani liceali, tra passioni, aspirazioni e i naturali intoppi del diventare adulti, si insinua, silenzioso e lento come un serpente che muove in una notte senza luna, la realtà, fatta di misteri e accadimenti inspiegabili, che da migliaia di anni accompagna, discreta e presente (rivelandosi solo a piccoli sprazzi – ora in una cappella chiusa, ora in un dipinto, ora nelle fattezze di una Madonna col Melograno), l’esistenza di Partenope e della città di Napoli.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest