Milano, alla marcia pro accoglienza del Pd scatta la contestazione: “Vergogna, siete la destra”

La manifestazione organizzata a Milano dopo gli sgomberi alla Stazione centrale, sostenuta dall’amministrazione cittadina per riaffermare la cultura dell’inclusione. Ma gli antagonisti protestano per le politiche securitarie del governo e la legge Minniti

Il Pd è presente in massa alla marcia organizzata a Milano dopo gli sgomberi alla Stazione centrale, sostenuta dall’amministrazione cittadina per riaffermare la cultura dell’inclusione. Apre il corteo il sindaco Giuseppe Sala, assieme al sottosegretario alla giustizia, Gennaro Migliore e al deputato Emanuele Fiano. Ma i dem vengono contestati per le politiche securitarie del governo e la legge Minniti. Il corteo parte da Porta Venezia per concludersi in piazza del Cannone, sono decine di migliaia i partecipanti. Subito le contestazioni dei centri sociali. “Vergogna, vergogna”, “Siete la peggior destra”, “Minniti razzista”. Gli antagonisti partecipano ma per contestare l’idea di una “sfilata filogovernativa”. “Andiamo oltre” l’episodio avvenuto alla Stazione centrale “e collaboriamo con questore e prefetto – afferma Sala -. Fuori dalla stazione ci sarà più controllo, controllo serrato e costante. Ovviamente mi dispiace per quello che è successo dopo. I servitori dello stato faranno la loro parte e io la mia”.

(Foto @cmsantagostino/Twitter)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest