Corruzione a Trapani, arrestati politico e armatore: indagata sottosegretaria Vicari

La sottosegretaria alle Infrastrutture, esponente di Ap, coinvolta nell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’armatore Ettore Morace e del candidato sindaco Girolamo Fazio

Arriva da Trapani l’ultima bufera sui politici. La sottosegretaria alle infrastrutture Simona Vicari (Ap) è indagata per corruzione nell’ambito dell’indagine che ha portato all’arresto, tra gli altri, dell’armatore Ettore Morace. Secondo l’ipotesi accusatoria, in cambio di un Rolex datole dall’imprenditore a Natale, avrebbe presentato un emendamento che abbassava dal 10 al 5% l’Iva sui trasporti marittimi, determinando un risparmio di milioni di euro per la società di Morace. L’avviso di garanzia è stato notificato nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Palermo che all’alba ha portato all’arresto anche del candidato sindaco di Trapani Girolamo Fazio, consigliere regionale. Secondo i magistrati Morace, armatore napoletano, “godeva del forte appoggio del Sottosegretario di Stato al Ministero dei Trasporti, Senatrice Simona Vicari, il cui fratello è anche dipendente della Liberty Lines”, si legge nel provvedimento. Attraverso l’interessamento di Vicari, Morace avrebbe ottenuto anche “il ritiro della proposta di nomina di un consulente, inviso a Morace, all’Assessorato Regionale ai Trasporti”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest