Depuratore Napoli Est, domani sit-in dei 107 lavoratori davanti Palazzo San Giacomo

Le maestranze chiedono gli stipendi non ancora pagati e la salvaguardia dei livelli occupazionali

I 107 lavoratori del consorzio che gestisce il depuratore Napoli Est hanno proclamato lo stato di agitazione permanente. Domani manifesteranno davanti Palazzo San Giacomo, sede del governo cittadino per richiedere il pagamento dei loro salari e impegni precisi per la tutela dei livelli occupazionali. Chiederanno di incontrare il sindaco Luigi de Magistris, gli assessori al bilancio e al lavoro, rispettivamente Salvatore Palma ed Enrico Panini. L’iniziativa di lotta è sostenuta dalle organizzazioni sindacali di categoria di Cgil, Cisl e Uil. Come anticipato da “Il Desk” lo scorso 23 agosto, una nota del commissario liquidatore del consorzio Eduardo Petrone indirizzata al personale ha alimentato una forte tensione tra le maestranze. “Non risulta pervenuta nessuna rimessa finanziaria da parte del Comune di Napoli – sottolinea Petrone nella nota – Informiamo i lavoratori che se, malauguratamente, dovesse perdurare questo stato di cose, si è nell’impossibilità indicare una data attendibile per l’erogazione degli stipendi del mese di agosto”. I 107 lavoratori chiederanno in particolare all’assessore al bilancio Palma trasferire le risorse finanziarie in modo che siano garantiti i salari e l’attuazione delle delibere comunali che prevedono la liquidazione del consorzio di gestione del depuratore Napoli Est e il loro trasferimento in Abc, l’azienda speciale idrica cittadina e la dislocazione presso le 40 stazioni di sollevamento. Le delibere approvate dalla giunta oltre a stabilire le 107 assunzioni, prevedono il trasferimento in Abc per i prossimi tre anni dei 4 milioni 900 mila euro che l’ente ha versato finora versato al Consorzio che ha gestito il depuratore di Napoli Est e di 400 mila euro di quote annue, provenienti dagli oneri per la depurazione dai comuni di San Giorgio e Portici.

Ciro Crescentini

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest