De Magistris si comporta come Salvini: cacciati i senzatetto dalla Galleria Umberto

Una durissima nota dei militanti di Potere al Popolo e dell’ex Opg

L’amministrazione comunale di Luigi de Magistris si comporta come le giunte della Lega di Matteo Salvini. In nome di un falso e ipocrita decoro. Stamattina gli operatori del comune di Napoli hanno sgomberato e gettato nell’immondizia coperte, vestiti ed effetti personali di alcuni senzatetto che si riparavano da giorni all’interno della Galleria Umberto I. Ovviamente, gli amministratori di Palazzo San Giacomo non hanno individuato alloggi o collocazioni alternative per i diseredati. “Non è questa la Napoli solidale, città dell’accoglienza, che immaginavamo – spiegano in una nota i militanti di Potere al Popolo e del laboratorio sociale ex Opg – Purtroppo non è la prima volta che il comune interviene con queste modalità; già la scorsa settimana gli operatori di Asia gettavano coperte e smantellavano giacigli dalle zone antistanti piazza Garibaldi, tutto questo in nome di un “decoro” che serve solo a mascherare l’emergenza sociale in questione – conclude la nota – Alle vittime di questi sgomberi non è data alternativa attraverso percorsi efficaci di reinserimento, e come ogni anno le misure attuate e i posti letto messi a disposizione risultano essere insufficienti rispetto alla crescente povertà!

BUTTATE COPERTE AI SENZA FISSA DIMORA

PIANO FREDDO 2020: IL COMUNE BUTTA LE COPERTE AI SENZA FISSA DIMORA!Stamattina gli operatori del comune di Napoli hanno letteralmente sgomberato e gettato nell'immondizia coperte, vestiti ed effetti personali di alcuni senza fissa dimora all’interno della Galleria Umberto I. Tra questi effetti c'erano anche delle "Scorz" i "rifugi di cartone" inventate da Giuseppe D’Alessandro e promosse da Napoli 2035 che ringraziamo per aver diffuso questa vergogna! Non è questa la #Napoli solidale, città dell'accoglienza, che immaginavamo! Purtroppo non è la prima volta che il comune interviene con queste modalità; già la scorsa settimana gli operatori di Asia gettavano coperte e smantellavano giacigli dalle zone antistanti piazza Garibaldi, tutto questo in nome di un “decoro” che serve solo a mascherare l'emergenza sociale in questione! Alle vittime di questi sgomberi non è data alternativa attraverso percorsi efficaci di reinserimento, e come ogni anno le misure attuate e i posti letto messi a disposizione risultano essere insufficienti rispetto alla crescente povertà!

Publiée par Ex OPG Occupato – Je so' pazzo sur Vendredi 24 janvier 2020
Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest