Dopo Catania anche Siracusa: bordate di fischi e insulti a Salvini sul palco

Pesante contestazione al leader leghista, mentre parlava dal palco in largo XXV Luglio. Lui: “Zanzare fastidiose”

Dopo Catania anche Siracusa. Una pesante contestazione a Matteo Salvini è nella città di Archimede. Il leader leghista parlava dal palco allestito in largo XXV Luglio, nel centro storico. In precedenza era stato ad una manifestazione al ponte di Santa Lucia. Un folto gruppo di contestatori, sorvegliato da poliziotti in assetto antisommossa, ha indirizzato bordate di fischi e insulti a Salvini. In piazza anche numerosi sostenitori della Lega. Salvini ha replicato appellando “zanzare fastidiose” i dimostranti. “Leggo un cartello con la scritta ‘porti aperti ‘- ha detto – a me sta bene se ciascuno di voi si porta a casa 100 migranti, a spese sue, e non dei siciliani e degli italiani”. Sarà un agosto caldissimo, per il ministro dell’interno.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest