Cabina di regia, de Magistris insiste: “Negano registrazione temendo un’altra Basilicata” – Video

Il sindaco: “Il governo ha paura di verità scomode come quelle che dicemmo un anno e mezzo fa sullo Sblocca Italia e sull’articolo 33 e che ora stanno emergendo dall’inchiesta sul petrolio”

“Forse hanno paura della verità, forse hanno paura che diciamo verità scomode”. Da un paio di giorni il nuovo mantra del sindaco prende slancio dal caso Basilicata. Con quelle intercettazioni che hanno messo alle corde il governo e costretto alle dimissioni il ministro Guidi. Nell’immaginario di de Magistris scandalo petrolio e Bagnoli sono tutt’uno. La prova? Il niet del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, alla richiesta di registrare la riunione della cabina di regia su Bagnoli, il 6 aprile. Quando in prefettura sbarcherà Renzi in persona. Mentre il tam tam dei comitati annuncia bufera. “Hanno paura – insiste de Magistris – di verità scomode come quelle che dicemmo un anno e mezzo fa sullo Sblocca Italia e sull’articolo 33 e che ora stanno emergendo dall’inchiesta sul petrolio in Basilicata. Renzi  – accusa – ha fatto lo Sblocca Italia che noi abbiamo subito criticato perché vogliamo a Bagnoli come in tutta Italia che non siano distrutti il territorio, il mare, il paesaggio e non vogliamo operazioni di opacità istituzionale che danno vita a commistioni vergognose tra presunto interesse pubblico e ben individuati interessi privati”. Interessi già finiti al centro dello scontro in atto.

(Foto/Video Ufficio stampa Comune di Napoli)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest