Si è sempre meridionali di qualcuno: al leghista Zaia insulti xenofobi per la foto col calciatore nero

Il governatore veneto posta la foto assieme al giovane Isaac Donkor, giocatore dell’Inter in prestito al Cesena. Ma si scatenano gli attacchi

“Arriverà il giorno che pur di governare andrete ad elemosinare anche i loro voti”. Dove loro sta per i negher, gli immigrati. Ma bersaglio degli attacchi xenofobi stavolta non è un leader della sinistra accusata di favorire l’invasione dei migranti in Italia. No, è un leghista, e non uno qualunque, ma il governatore del Veneto Luca Zaia, reo di aver postato sui social una foto assieme ad un giovane di colore. Che per inciso non è uno qualunque, ma il calciatore dell’Inter Isaac Donkor, quest’anno in prestito al Cesena. Ma la precisazione non basta, perché beceri insulti partono lo stesso all’indirizzo del reprobo Zaia, costretto a rintuzzarli. “Il Veneto che amministro – scrive Zaia – ha 517.000 immigrati regolari, gente perbene. Siamo la terza regione in Italia per numero di immigrati. Chi viene qui con un progetto di vita e sposa i nostri valori è benvenuto. Per gli altri tolleranza zero. Spero di essere stato chiaro”. Accanto ai numerosi attacchi il governatore riceve anche l’apprezzamento di molti. Ma resta il contrappasso: si è sempre meridionali di qualcuno, diceva Luciano De Crescenzo nel ruolo del professor Bellavista.

(Foto Luca Zaia/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest